Futsal

FUTURA MATERA - Troppo Taranto per i biancoazzurri: arriva uno stop casalingo contro la capolista

Redazione TuttoMatera.com
24.11.2019 11:00

La squadra della Futura Matera, FOTO: FUTURAMATERA.IT

Una Futura Matera in piena emergenza cede l’intera posta al New Taranto C5 al termine di un match combattutissimo che ha permesso alla squadra ionica di incamerare tre punti importanti che le consentono di conservare il primato in coabitazione con il Bernalda. All’assenza dello squalificato Fabiano, in casa materana si sono aggiunte all’ultimo momento quelle di Perrucci e Ferruzzi alle prese con l’influenza, mentre il New Taranto C5 ha dovuto rinunciare a Lacarbonara per squalifica e a L’Ingesso per infortunio. Mister Mascolo comincia il match con Zamirton tra i pali, Marcus Ferreira, Di Pietro, Joao Alonso e Da Costa; risponde il tecnico dei tarantini Bommino con il portiere Ventimiglia, Cleber, Bottiglione, Paulinho e Dao. Sembrano partire meglio gli ospiti, bravi a sfruttare le loro trame sull’asse Cleber-Bottiglione-Paulinho con Dao pronto a colpire. Il fuoriclasse brasiliano va vicino al goal in un paio di occasioni sventate con bravura da Zamirton. I padroni di casa si affidano alle ripartenze veloci sfiorando il goal con Di Pietro, la cui conclusione termina di poco alta. Gli ospiti provano ad alzare i ritmi ma la Futura sembra controllare bene, anche se l’equilibrio regge fino al 12’ quando, sugli sviluppi di un corner battuto da Cleber, Dao raccoglie l’assist del compagno e spedisce la sfera alle spalle di Zamirton. La squadra di Mascolo non riesce a scuotersi subito e due minuti dopo, a seguito di una palla persa da Da Costa e Di Pietro, Paulinho parte in transizione e in velocità supera Zamirton, non proprio esente da colpe nella circostanza. Il doppio schiaffo sembra risvegliare i montoni che nell’ultima parte del primo tempo si fiondano con decisione dalle parti di Ventimiglia, andando vicini al goal con Di Pietro e Joao Alonso. La rete che dimezza il passivo arriva a circa un minuto dalla fine con un’azione da manuale: Da Costa intercetta un pallone pericoloso e serve Di Pietro, il quale scarica in profondità dall’altra parte su Joao Alonso che di prima mette al centro per l’accorrente Da Costa che insacca senza difficoltà e manda al riposo la sua squadra sotto di una sola rete. Mascolo comincia la ripresa con gli stessi elementi di inizio gara mentre l’unica variante tra gli ospiti riguarda l’avvicendamento tra Cleber e De Risi. L’inizio della seconda frazione è da incubo per i montoni che dopo appena ventidue secondi subiscono la terza rete ad opera di Dao che brucia sul tempo prima Marcus Ferreira e poi Zamirton. Il brasiliano del Taranto si ripete intorno al 4’ quando approfitta della porta lasciata sguarnita da Zamirton, nella circostanza in veste di quinto uomo, insaccando con un pallonetto dalla propria metà campo. Ci mette però quaranta secondi la Futura a dimezzare ancora lo svantaggio con un fendente preciso dalla distanza scagliato da capitan Contini. I montoni prendono coraggio e si presentano in maniera convinta dalle parti di Ventimiglia, ma il portiere ospite riesce sempre a salvarsi. Dal 7’ in poi il match si scalda facendo alzare i decibel all’interno della tensostruttura: Di Pietro avanza palla al piede verso la porta avversaria e viene toccato da tergo da un giocatore ospite, ma il sig. Rutolo di Chieti, vicino all’azione, fa cenno di proseguire e De Risi, con Di Pietro ancora a terra, prosegue in solitario e sigla la quinta rete per la sua squadra, scatenando le proteste veementi dei giocatori e del pubblico di casa. Di Pietro viene portato fuori a braccia, anche grazie ad alcuni atleti tarantini e gli viene applicata una vistosa fasciatura al piede destro. Gli animi si surriscaldano un po’ ma alla fine, piano piano, si torna alla normalità e la Futura Matera riprende a fare gioco per cercare quantomeno di ridurre il passivo. Il Taranto agisce di rimessa, sfiorando ancora il goal con Dao dalla distanza, ma proprio sulla linea salva in acrobazia Joao Alonso. La terza rete materana arriva a circa sedici secondi dalla sirena con un pezzo di bravura di Da Costa che con un preciso colpo di tacco lascia di sasso Ventimiglia.

GIRONE C - Verso la sedicesima giornata: Il Bari non può fallire ora. Scontri diretti in zona salvezza
REAL TEAM MATERA - Primo tempo chiuso in vantaggio, poi la rimonta. Cuore Real contro Acerra ma non basta: finisce 7-5 per i campani