L'Allenamento

Dal modulo a qualche pedina: diversi dubbi per Imbimbo. Le ultime

Roberto Chito
15.12.2018 20:07

L'attaccante Michele Scaringella, foto: Sandro Veglia

Anche Imbimbo deve sciogliere gli ultimi dubbi in vista della sfida di lunedì sera. Tanti, potrebbero essere i grattacapi da parte del tecnico irpino. A cominciare dal modulo. Quale vestito migliore per poter contrastare il 3-4-3 di Auteri? Contro il Rende, che adottava lo stesso schieramento tattico del Catanzaro, il 4-3-1-2 si è rivelato come il vestito giusto. Ovviamente, le qualità delle due calabresi sono davvero diverse fra loro.

Le aquile, hanno un grande potenziale. Sicuramente però, il tecnico Eduardo Imbimbo sta lavorando sul giusto modo per poter fermare la corazzata di Auteri. Da capire se sarà confermato il 4-4-2, se si tornerà al 3-5-2, oppure sarà attuato il 4-3-1-2. Dubbi che probabilmente saranno sciolti durante la seduta di rifinitura di domani pomeriggio. In ogni caso, non ci sono grosse defezioni. Out sempre gli attaccanti Orlando e Plasmati, insieme al lungodegente Dellino. Per il resto, Imbimbo ha sicuramente tutte le frecce a disposizione del proprio arco. Probabilmente, la difesa a quattro sembra essere il punto fisso di queste ultime settimane.

Poi, dal centrocampo in giù potrebbe davvero cambiare tanto. Da capire se sarà data una chance al baby Dammacco che quando comincia dal primo minuto ha sicuramente un altro ritmo rispetto a quanto entra a partita in corso. A caccia di riscatto anche il tandem Corado-Scaringella che devono dimostrare molto. Anche in mezzo al campo, Corso insidia sicuramente uno fra Grieco e Bangu. I punti fissi dello scacchiere biancoazzurro, sembrano essere gli esterni Triarico e Ricci che in questo momento della stagione stanno davvero facendo bene.

Commenti

Catanzaro, ultimi nodi da sciogliere per Auteri: tre dubbi per il tecnico siciliano. Si ferma un centrocampista ma i ballottaggi sono tutti in attacco. Le ultime
Serie A, gli anticipi della sedicesima giornata - Vittorie decise dagli undici metri: Juventus e Inter trovano i tre punti così grazie a Cristiano Ronaldo e Icardi. L'analisi