Mondo Calcio

Nazionale, nasce l'Italia di Roberto Mancini: ecco come riparte il rilancio

Redazione TuttoMatera.com
16.05.2018 10:10

Il neo ct Roberto Mancini, foto: Figc.it

Bisogna pensare al domani, ma anche al dopodomani. Ha esordito in questo modo Roberto Mancini alla presentazione ufficiale da ct degli azzurri. E allora, come sarà la sua Nazionale? Si parla del giusto mix fra giovani e il nucleo storico, fondamentale per poter ripartire nel breve tempo.

Le maggiori novità di Mancini dovrebbero essere Criscito e Balotelli. Il primo avuto allo Zenit, ma ormai pronto al ritorno in Italia, in particolare al Genoa. Il secondo, è ormai soprannominato il figlioccio del ct. Lo ha lanciato in passato e adesso lo vuole rilanciare in azzurro. Si dovrebbe ripartire dal 4-2-3-1, vero e proprio marchio di fabbrica di Mancini, anche se il tecnico ha affermato di volersi adattare ai giocatori. L’ex Lazio, Inter e Manchester City punterà su un gruppo ampio in vista delle prime tre amichevoli.

C’è sicuramente da ricostruire un progetto e la Figc ha puntato su Mancini per avviare questa ricostruzione. I tre test imminenti serviranno al ct per farsi una prima idea, in attesa di settembre, quando le partite cominceranno ad avere il loro valore: soprattutto con la Nations League che potrebbe regalare agli azzurri la qualificazione anzitempo per Euro 2020. Insomma, c’è tanto da lavoro: Mancini è pronto, una settimana e si parte.

   

L’ITALIA DI MANCINI?

PORTIERI: Donnarumma, Perin, Sirigu.

DIFENSORI: Bonucci, Caldara, Ogbonna, Chiellini, Romagnoli, Rugani, Florenzi, Zappacosta, De Sciglio, Criscito, Emerson, Darmian, Spinazzola, Conti, G. Ferrari, Biraghi.

CENTROCAMPISTI: De Rossi, Jorginho, Mandragora, Pellegrini, Gagliardini, Barella, Verratti, Bonaventura, Baselli, Benassi, Locatelli, Di Francesco, Parolo, Cristante.

ATTACCANTI: Chiesa, Candreva, Bernardeschi, Verdi, Insigne, Politano, El Shaarawy, Balotelli, Immobile, Zaza, Cutrone.

Commenti

Play off, si entra sempre più nel vivo: ora il terzo turno. Cosa succederà? Parte la grande attesa
Gravina: "Seconde squadre, le norme devono essere uguali per tutti. La situazione"