Primo Piano

MATERA - Questione Rende: arriva un colpo di scena inatteso. Ecco la decisione di Coscarella

Roberto Chito
15.10.2019 10:12

Il presidente Fabio Coscarella del Rende, FOTO: FONTE WEB

Clamoroso davvero: quando l’accordo per l’approdo del Rende nella Città dei Sassi sembrava ad un passo, ecco che arriva la notizia che lascia tristi alcune persone, ma che fa esultare altre. Perché l’approdo dei biancorossi in quel di Matera ha sempre diviso l’opinione pubblica materana. Oggi, infatti, il Rende è ad un passo dal tornare a giocare al Marco Lorenzon, stadio della propria città.

Una notizia che è comincita circolare nella serata di ieri e che ha trovato conferma in queste ultime ore. Dunque, l’accordo che sembrava essere imminente fra Fabio Coscarella, presidente del Rende, e Giuseppe Tragni, assessore allo sport del Comune di Matera, è naufragato per un motivo ben preciso: il ritorno dei biancorossi nel loro stadio. Coscarella, infatti, nelle ultime ore ha avviato contatti con Comune, Prefettura e Questura per poter ottenere il placet definitivo per tornare a giocare in casa.

Dimostrazione che l’operazione di disputare le partite casalinghe nella Città dei Sassi era solamente ponte, e non aveva altri fini. L’accordo, però, nella giornata di venerdì sembrava essere ormai ad un passo. Il summit Tragni-Coscarella aveva dato una fumata bianca importante, si aspettava solamente l’annuncio, atteso già nella giornata di sabato. Annuncio che è slittato. Nella giornata di ieri poi, non ci sono state novità.

Poi, la notizia della volontà da parte di Coscarella di tornare a giocare al Lorenzon è stata la conferma che tutto sia naufragato. Così, il Rende non disputerà le partite al XXI Settembre-Franco Salerno. Una telenovela che ormai va avanti dallo scorso inizio agosto. Una questione che ha ormai un lieto fine, con il ritorno dei biancorossi al Lorenzon.

UNDER 21 - Un gol di Scamacca regala all’Italia la vittoria in Armenia dopo il brivido nel finale. Nicolato: "Dovevamo chiuderla subito"
OLIMPIA MATERA - Parte il tour de force: due match in tre giorni per difendere la vetta