L'Intervista

Calcagno: "Matera, troppo tardi adesso. E il campionato paga le conseguenze"

Roberto Chito
14.02.2019 21:40

Umberto Calcagno dell'Aic

"Il Matera va fuori con mesi di ritardo. Decisione non certo per responsabilità nostre o della Lega Pro ma di chi non ha voluto scrivere determinate norme nel mese di agosto regalandoci queste code impazzite". Sono le parole di Umberto Calcagno, vice presidente dell’Aic che da un anno a questa parte ha un conto aperto con i biancoazzurri.

Infatti, l’Assocalciatori è stato l’organo che più di tutti ha cercato, senza successo, di chiedere l’esclusione dal campionato del Matera. E oggi, per Umberto Calcagno è sicuramente una piccola vittoria. Tant’è che il vice presidente della Figc, a TuttoC.com, dichiara: "Parliamo di un altro regalo estivo del commissario. A giugno 2018 avevamo chiesto insieme alla Lega Pro la modifica delle Noif in tal senso. Modifica che è stata approvata solamente adesso e quindi sarà valida solo dal prossimo campionato: i risultati delle partite d'andata non saranno più validi se una squadra verrà esclusa nel girone di ritorno. Ma per il Matera purtroppo non è così".

Fra rescissioni e ritorno dai prestiti, i biancoazzurri si sono trovati senza giocatori. Infatti, da questo punto di vista non sembrano esserci problemi: "Ci risulta un solo calciatore professionista tesserato, gli altri sono giovani di serie. Con lo svincolo d'autorità vedremo se riusciremo a ottenere come in passato una deroga sul mercato".

Commenti

Ghirelli: "Matera, sconfitta per tutti. Chiedo scusa ai tifosi ma una cosa è chiara"
Girone C, il secondo anticipo - Baclet sbaglia dell'undici metri, Conson compie il miracolo su Genchi: a reti bianche al Granillo. La cronaca