Primo Piano

Dalla Reggina alla Reggina: Matera, un Girone senza un difensore

Roberto Chito
02.02.2018 10:26

Il difensore Mariano Stendard, foto: Emanuele Taccardi

E alla fine è rimasto in biancoazzurro. La speranza è che possa ritornare il prima possibile a disposizione. La sua esperienza non può che essere importante e fondamentale per i biancoazzurri. Parliamo di Mariano Stendardo, dato come possibile partente nel mercato appena concluso, ma che alla fine è rimasto alla corte di Auteri.

UN GIRONE ASSENTE – Da Reggio Calabria alla Reggina. All’andata, contro i calabresi, Stendardo giocò la sua ultima partita in biancoazzurro per poi terminare in infermeria e rimanerci a lungo. L’ex Savoia e Taranto è tornato a disposizione solamente per la sfida contro la Sicula Leonzio, restando in panchina per tutti i novanta minuti. Per un girone, dunque, il Matera ha potuto contare sulle prestazioni del numero 6 che ha alle spalle un numero importante di presenze in tornei professionistici. Le cause della sua assenza non sono ancora chiare. Prima era infortunato, poi è ritornato a disposizione contro la Sicula Leonzio, e da allora si sono perse le tracce. Però, alla fine, se Stendardo è rimasto in biancoazzurro, vorrà pur dire che in breve tempo potrà essere utile al Matera, visto che ci avviciniamo alla parte fondamentale della stagione, quella in cui si giocheranno i play off.

TANTA ESPERIENZA – Contare su una pedina alla quale mancano solamente quattro presenze per staccare le trecento partite in carriera è sicuramente una lancia a proprio valore. Uno dei primi innesti portati in biancoazzurro in questa stagione, con la consapevolezza che possa essere funzionale al progetto. Da qualche tempo, però, Mariano Stendardo è ai box. Le cause della sua assenza non sono state ancora chiarite. In un reparto in piena emergenza come quello della difesa, è sicuramente importante ritrovare pedine come lui. Non resta che aspettare, ritrovando un giocatore che nella sua carriera ha sempre fatto la differenza.

Commenti

Dal vice Dugandzic alla partenza: Dammacco, solo un arrivederci?
Girone C, tutti i cambiamenti d'orario della ventiquattresima giornata