Basket

OLIMPIA MATERA - Caccia al primo colpo esterno: a Corato alla ricerca di conferme

Redazione TuttoMatera.com
06.10.2019 13:15

Il roster dell'Olimpia Matera, FOTO: ROBERTO LINZALONE-OLIMPIAMATERA.IT

Dopo la vittoria d’esordio conquistata contro Formia, l’Olimpia Matera è chiamata alla prima trasferta della stagione. I ragazzi di coach Agostino Origlio, questo pomeriggio se la vedranno sull’ostico campo del Corato. La squadra neroverde, ha vinto, piuttosto a sorpresa, la prima partita del torneo sul campo di Palestrina. Una vittoria inaspettata che ha sicuramente dato valore alla squadra di Gesmundo che con un 60-48 ha portato a casa i primi due punti della sua stagione.

Attenzione massima, perché la sfida di questo pomeriggio non sarà per nulla semplice. Infatti, Corato può essere tranquillamente inserita nell’elenco di quei roster che faranno di tutto per conquistare una posizione play off, e magari per raggiungere le prime quattro posizioni. Olimpia Matera che si troverà di fronte anche l’ex Sereni che in settimana, intervistato da TuttoMatera.com si è detto emozionato ma anche pronto a prendersi una piccola rivinciata sui biancoazzurri che a fine stagione non lo hanno confermato nonostante la volontà di rimanere fra i Sassi. Per Corato, la vittoria di Palestrina è stata sicuramente il miglior viatico per questa stagione.

Olimpia Matera che deve stare molto attenta, soprattutto in questa fase iniziale di stagione. Perché la prima vittoria contro Formia è stata importante dal punto di vista del risultato, ma per poter vedere la mano del coach Origlio servirà tempo. Soprattutto per poter vedere una squadra brillante in grado di esprire un ottimo gioco. Intanto, bisogna anche pensare al concreto e a portare a casa i punti. Questo pomeriggio, al Pala Losito, con palla a dure alle ore 18.00, l’Olimpia Matera cerca i primi due esterni nel difficile match contro Corato.

USD MATERA - Ieri il primo test amichevole: ecco le indicazioni arrivate a Chisena
GIRONE C - I match delle 15.00: Bari e Potenza a valanga. L'Avellino stecca ancora