Primo Piano

MATERA - I tifosi si incontrano e fanno il punto: "O la Serie D, o niente. Questa la nostra idea"

Roberto Chito
24.07.2019 22:05

I tifosi biancoazzurri, FOTO: SANDRO VEGLIA

Il messaggio è ancora una volta chiaro: "Sì alla Serie D, no ad Eccellenza o Promozione. In questo modo preferiremmo ripartire dalla Seconda Categoria con personaggi diversi da quelli che circolano attualmente". Questo, il messaggio dei tifosi biancoazzurri che nella serata di oggi si sono ritrovati presso il Matera Club per poter fare il punto della situazione in vista della scadenza di lunedì, quale termine ultimo fissato dalla Figc per poter presentare la domanda di ammissione in soprannumero in Serie D.

Circa cento tifosi appassionati, hanno espresso tutto il loro malessere per una situazione che da febbraio ad oggi non sembra aver trovato nessuna soluzione. Lo scenario di perdere anche la possibilità di ripartire dalla Serie D, giorno dopo giorno si fa sempre più complicata e difficile, per via del braccio di ferro in atto fra amministrazione comunale e l’imprenditore Nicola Benedetto, finora l’unico interessato a ripartire dalla quarta serie. La questione la conosciamo tutti: si sanno le condizioni che il bernaldese ha posto a Palazzo di Città e la stessa risposta che è arrivata. Da questo punto di vista, i tifosi biancoazzurri hanno praticamente perso le ultime le ultime considerazioni positive verso un’amministrazione comunale che non sembra aver mai avuto un piano ben preciso per poter far ripartire il calcio.

Ovviamente, sul banco degli imputi c’è anche l’imprenditore Nicola Benedetto, dal quale i tifosi biancoazzurri, fino a lunedì mattina si aspettano un clamoroso colpo di scena in merito dalla domanda di ammissione da presentare alla Figc. I tifosi biancoazzurri, in questo modo, vedrebbero l’imprenditore bernaldese come il cosiddetto salvatore della patria, pronto a vincere il braccio di ferro che si è venuto a creare con l’amministrazione comunale. Al momento, sono semplici speranze che potranno definitivamente decadere nella giornata di lunedì. Nonostante ciò, il popolo materano sa bene che servirebbe solamente un miracolo per poter vedere il Bue disputare il prossimo campionato di Serie D, e soprattutto rinascere dopo quasi cinque mesi di buio assoluto.

Dunque, la speranza che Benedetto possa cambiare le carte in tavola c’è tutta. Ovviamente, ci si aspettano i fatti, visto che i tifosi hanno più volte incontrato l’imprenditore e lo hanno sostenuto in questa potenziale avventura. Se non sarà Serie D, però, la voglia dei tifosi biancoazzurri è quella di boicottare ogni possibile progetto che possa vedere il Matera ripartire dall’Eccellenza o dalla Promozione. E da questo punto di vista, la tifoseria è pronta ad una campagna di contestazione. Se si deve ripartire, la Matera calcistica lo vorrebbe fare attraverso un progetto serio.

Le idee sono chiare: Seconda Categoria, con personaggi diversi da quelli che sono circolati in queste ore. Idee chiare per una situazione che adesso è arrivata al limite della pazienza Perché dopo aver ascoltato i piani dell’amministrazione comunale e la disponibilità di imprenditori interessati a ripartire, adesso i tifosi materani si aspettano i fatti. In caso contrario, saranno prese azioni di protesta che potranno partire già nelle prossime ore.

BASKET - Olimpia Matera, partita per partita: ecco il calendario della nuova stagione
ICC - Fiorentina, la beffa arriva nel finale: vince il Benfina ma Montella sorride: "Importanti risposte arrivate da questo torneo"