L'Intervista

L'esclusiva - Ripoli: "Di nuovo al lavoro. Matera, serve pazienza"

Roberto Chito
28.07.2018 17:40

L'avvocato Vitantonio Ripoli, foto: Emanuele Taccardi

"Al momento non posso dire quante possibilità ci sono appurchè l’affare vada in porto. Per il momento, c’è un preliminare di vendita sottoscritto lo scorso 18 luglio". A fare il punto della situazione in questo momento della trattativa fra Saverio Columella e la cordata irpina rappresentata da Rosario Lamberti, è l’avvocato Vitantonio Ripoli. Possiamo definirlo uno dei maggiori protagonisti di questa tormentata estate biancoazzurra. E l’ex presidente del Matera che ha curato il passaggio di proprietà, in queste ore sembra essere stato richiamato in causa. Ripoli, intervisto da TuttoMatera.com, fa il punto della situazione cercando di chiarire diversi aspetti, ovviamente per ciò che può essere detto.

Buon pomeriggio avvocato. Dopo il mancato passaggio delle quote del Matera Calcio da Columella a Lamberti nella giornata di ieri, la trattativa sembra essersi bloccata. Potrebbe spiegarci come stanno le cose?

"Il mio compito, da professionista, si è esaurito il 18 luglio con la sottoscrizione del contratto preliminare di cessione delle quote dalla vecchia alla nuova società. Adesso, però, soprattutto in qualità di tifoso sto cercando di far superare alle due parti i problemi che sono sorti. Al momento, posso solamente dire che ci vuole pazienza".

Quali sono questi problemi che sono sorti?

"Nell’interesse del Matera, al momento non è opportuno parlarne in questo momento. La prima cosa è tentare di risolverli. Poi, se non si riesce ci saranno sicuramente tempi e modo di renderli noti".

Crede che la giornata di lunedì sarà fondamentale in un senso o nell’altro?

"Non lo so. È la mia speranza, ma anche quella di tutti. Per il momento, però, sarebbe opportuno il silenzio".

Commenti

UFFICIALE - Trapani, scelto il nuovo tecnico. E impazza il tormentone per l'acquisizione del club
Fra trattative e imprevisti vari è un weekend amaro per i biancoazzurri. Quale futuro ci sarà adesso?