Le Altre

Viterbese, Camilli fa sul serio: la drastica decisione. E arriva la risposta della Lega Pro

Redazione TuttoMatera.com
14.09.2018 10:45

Il presidente Piero Camilli della Viterbese, foto: Fonte Web

E guerra fu. La Viterbese fa sul serio. Il presidente Camilli ha dato mandato a squadra, staff tecnico, dirigenti e collaboratori tecnici di tornare a casa. Una situazione paradossale in casa laziale. Il motivo? Il non voler disputare il Girone C, che secondo Camilli è dispendioso dal punto di vista economico per i vari viaggi troppo lunghi.

A Viterbo sono ore davvero difficili. Camilli ha affermato di voler disertare le prime tre partite in modo da far escludere la squadra dal campionato che si appresta a cominciare. Il numero uno del club laziale è ormai deciso nel portare avanti questa iniziativa. Questa mattina, però, la Lega Pro, attraverso un comunicato stampa ha riportato le dichiarazioni dello stesso Camilli rilasciate a TuttoMercatoWeb.com, nel quale, il presidente laziale, diceva: "Secondo i parametri, la Viterbese dovrebbe essere inserita nel Girone C. Io sono disposto ad andare a giocare anche in Africa, basta che si rispettino le regole".

Queste parole arrivavano dopo la probabilità di ripescaggio di Messina, Bari e Avellino, dopo che la Viterbese, insieme ad alcuni club di quello che poteva essere il possibile Girone C, sottoscrissero un comunicato, inviato alla Lega Pro. Ora, invece, Pietro Camilli ha cominciato una polemica senza precedenti. Per una questione di incastri, la Viterbese è andata nel Girone C, come anche il Rieti. Stessa cosa poteva capitare a Ternana o Teramo. La speranza è che il tutto possa concludersi nelle prossime ore.

Commenti

Andrisani: "Matera, occorre subito una cosa. Il via? Nessuna preferenza, ecco come arriviamo"
Il Matera si presenta: decisa data e luogo del grande evento