Basket

OLIMPIA MATERA - Dip: "Soddisfazioni da togliere anche qui. Potevamo avere più punti ora"

Roberto Chito
25.10.2019 21:40

Marcelo Dip, FOTO: OLIMPIAMATERA.IT-ROBERTO LINZALONE

"In carriera, sono stato sempre abituato a lottare per il vertice della classifica. E anche a Matera voglio mantenere questa abitudine. Possiamo davvero toglierci delle belle soddisfazioni ma per far serve vincere più partite possibili. Abbiamo un po’ di rimpianto ma dobbiamo guardare avanti. Nonostante ciò, vogliamo puntare alle prime tre posizioni". Sono le parole di Marcelo Dip, giocatore dell’Olimpia Matera che analizza il momento della squadra biancoazzurra. Nella chiacchierata concessa a noi di TuttoMatera.com, il centro ha analizzato diversi aspetti.

SULL’INIZIO CAMPIONATO: "Parlo per me e dico che questo bottino non mi soddisfa. I punti dovevano essere otto. Purtroppo abbiamo sbagliato le due trasferte, una per un motivo e l’altra per un altro. Abbiamo peccato di inesperienza venendo meno in momenti importanti dei match. Peccato, potevamo avere sicuramente più punti. Nonostante ciò, dobbiamo guardare avanti. In questo momento dobbiamo dare tutti quel qualcosa in più per poter portare a casa più vittorie possibili, soprattutto se vogliamo ambire al vertice della classifica".

SUL TREND ESTERNO: "Le due sconfitte non possono essere state simili. L’unica cosa uguale è stato il risultato. A Corato siamo partiti davvero male, abbiamo recuperato e nel finale fallito l’occasione per vincerla per poi crollare nel supplementare. A Nardò, invece, siamo andati fortissimo per venti minuti, poi siamo crollati. Abbiamo sbagliato praticamente tutto, gettando alle ortiche l’ottimo vantaggio che avevamo accumulato fino a quel momento. Dispiace, perché sicuramente da queste due trasferte una vittoria la potevamo portare a casa. Oggi potevamo avere otto punti e non sei. Però, come detto prima è inutile piangere sul latte versato, meglio guardare avanti".

SU BISCEGLIE: "Non ci sono partite facile, questo inizio campionato lo ha detto chiaramente. Loro hanno perso tre partite e sicuramente vorranno riscattarsi e sovvertire questo momento poco positivo. Sicuramente, andremo a giocare in un campo molto caldo, come lo sono stati Corato e Nardò. Però, non dobbiamo commettere gli stessi errori delle due trasferte perecedenti. In settimana abbiamo lavorato molto bene. Il coach ci ha tartassato e abbiamo tutto per andare a Bisceglie e giocare un’ottima partita".

SUL CALENDARIO: "Le prossime due partite consecutive in casa potrebbero darci lo slancio positivo per poter puntare al vertice e costruire al meglio questo finale di girone di andata. In casa poi, ci esaltiamo. Abbiamo il nostro fortino, anche grazie alla spinta dei nostri tifosi. Però, per prima cosa dobbiamo vincere a Bisceglie. Anche perché, solamente conquistando sei punti nelle prossime tre potremmo fare questo discorso. Guardiamo partita per partita con l’obiettivo di fare sempre meglio, ma potrebbe essere una grande occasione per noi".

SU MATERA: "Mi trovo molto bene qui. A me piace stare in famiglia, quindi quando sono fuori casa esco con loro. Una città tranquilla, dove si vive bene. Molto organizzata, dove c’è tutto. Non manca niente qui. C’è un bel clima, quello giusto che serve anche agli atleti per poter vivere al meglio e concentrarsi senza problemi sugli impegni che sono in programma".

SUI TIFOSI: "Non vedo l’ora che la squadra possa tornare a giocare al Pala Sassi. Questo palazzetto lo ricordo da avversario. Era una bolgia. Ogni volta che si veniva a giocare a Matera c’era sempre una sorta di timore per il gran clima e timore che ti incuoteva il pubblico avversario. Spero che possiamo tornarci il prima possibile, perché voglio godermi questa bolgia anche da protagonista dopo averlo fatto da avversario. Però, c’è da dire che il nostro pubblico, anche in queste prime partite casalinghe ci ha davvero dato tutto".

SUL CAMPIONATO: "L’ho detto prima: è imprevedibile. Quest’anno tutti possono perdere contro tutti. E le prime giornate lo hanno già dimostrato. Una vittoria e una sconfitta possono cambiare le cose. Un torneo molto strano dove non c’è nulla di scontato. E propri per questo, servirà concentrazione in ogni partita, senza mai perdere la bussola perché sennò si può incappare in passi a vuoto".

GIRONE C - Sicula Leonzio, è ufficiale: ecco a chi va la panchina, si tratta di un ex Avellino
USD MATERA - Chisena: "Pronti per il primo big match. Il modulo? Trovata la soluzione giusta"