Primo Piano

UFFICIALE - Matera, per Auteri scatta una maxi squalifica: la decisione

Roberto Chito
06.02.2018 14:55

Il tecnico Gaetano Auteri, foto: Emanuele Taccardi

A volte, capita di essere squalificati anche quando si è già squalificati. È quanto successo a Gaetano Auteri, che si vede combinare altre tre giornate di squalifica. La decisione, infatti, è stata presa dal Giudice Sportivo nella giornata di oggi. Dopo il Monopoli, Auteri salterà anche i match contro Paganese, Siracusa e Racing Fondi. Alla fine, risulteranno ben quattro le giornate di squalifica.

LA DECISIONE – La sentenza è arrivata nel primo pomeriggio di oggi, attraverso il comunicato ufficiale del Giudice Sportivo, nel quale si legge: "Perché, in stato di squalifica, entrava negli spogliatoi durante l'intervallo della gara e vi permaneva fino alla ripresa della gara. Per l'intero secondo tempo impartiva disposizioni tecniche posizionato in tribuna, dialogando con la propria panchina. Al termine della gara avvicinava un addetto federale rivolgendogli reiterati insulti".

LE MOTIVAZIONI – Effettivamente, Auteri, durante il secondo tempo, dalla tribuna vip si era accomodato in tribuna centrale, dietro la sua panchina. Più volte è stato invitato a non dare disposizione tattiche e a dialogare con i suoi collaboratori. Peraltro, c’è da sottolineare la posizione ravvicinata del commissario di campo, al quale non è sfuggito l’episodio. Questa una delle motivazioni annotate dal Giudice Sportivo nel comunicato, visto che in tribuna tutti si sono accorti di questo.

ASSENZA PESANTE – Adesso, Auteri, in panchina potrà ritornare solamente ad inizio marzo, in occasione del match contro il Catanzaro, dopo un mese di assenza per squalifica, almeno di eventuali rimborsi. Toccherà al suo vice allenatore Loreno Cassia in questo periodo sostituirlo nel migliore dei modi. Per il Matera, però, sarà un’assenza davvero pesante.

Commenti

La mappa degli esoneri: Girone C, tutti i cambi in panchina finora
UFFICIALE - Under 21, deciso il futuro della panchina azzurrina: la scelta