Serie A

SERIE A - Roma, l'addio di Totti: "Tenuto fuori da tutto, l'ultima parola sempre a Londra. Mio ritorno? Solo con questo scenario"

Redazione TuttoMatera.com
18.06.2019 10:00

Francesco Totti, FOTO: INSIDEFOTO.IT

"Ho mandato una mail per dire che mi dimettevo. Potevo anche morire, forse sarebbe stato meglio. Per il bene di tutti, meglio che mi stacco io. Tanti dirigenti hanno detto che sono troppo ingombrante per questa società. Speravo che questo giorno non arrivasse mai. Invece c'è stato". Con queste parole, Francesco Totti dà il suo addio al club giallorosso solamente dopo due anni da dirigente.

In una conferenza stampa al Coni, l’ex capitano della Roma, spiega: "Non ho mai avuta la possibilità operativa di poter lavorare nell'area tecnica della Roma. Non avevo mai chiesto soldi, ma penso di avere le competenze per fare il direttore tecnico. Invece hanno fatto l'allenatore e il ds senza neppure chiamarmi. Mi hanno invitato a Londra due giorni prima, quando avevano deciso tutto, senza chiedermi se mi andavano bene o meno. Il pensiero fisso di alcune persone dall'inizio era uno: "Via i romani dalla Roma". Hanno ottenuto quello che volevano. Gli americani hanno cercato di metterci da parte. Hanno voluto questo e ci sono riusciti. Baldini? Mai stato rapporto con lui e mai ci sarà: si doveva scegliere e mi sono fatto da parte io. L'ultima parola era sempre a Londra. Solo quando erano in difficoltà. Avrò fatto dieci riunioni in due anni".

Un altro argomento riguarda l’allenatore, a cominciare dalle richieste di Di Francesco: "Aveva chiesto quattro-cinque giocatori in estate e non gliene hanno preso nemmeno uno. Il mio futuro? Se un'altra proprietà mi chiama e crede nelle mie potenzialità, io tornerò. Certo, tante persone che vorrebbero fare investimenti, la Roma è amata e stimata e tanti la vorrebbero, ma se non vedo nero su bianco non credo a niente".

MATERA - Dal calcio ad altri eventi: il XXI Settembre pronto al ritorno del pallone?
SERIE A - Roma, il club risponde a Totti: "Versione fantasiosa e lontana dalla realtà. Il club non sarà mai in vendita"