Primo Piano

MATERA - I rimpianti aumentano per quello che poteva essere ma che non è stato? Ecco il vero motivo

Roberto Chito
03.04.2019 20:15

L'esultanza dei biancoazzurri, foto: Sandro Veglia

Probabilmente, adesso i rimpianti sono maggiori. Perché il Matera costruito la scorsa estate, sicuramente aveva tutte le carte in regola per giocarsi la salvezza. E, anche per evitare i play out. Perché la formazione di Eduardo Imbimbo, nel suo momento migliore, è stata clamorosamente bloccata da vicissitudini extra calcistiche che hanno mandato tutto alle ortiche.

Però, è bello guardare al campo, analizzando quello che poteva essere, anche in considerazione di questa lotta salvezza. Un duello che vede la prima concorrente andare ko: la Paganese, infatti, non è condannata solamente dalla matematica ma presto sarà sancito il proprio ritorno in Serie D. E proprio in quarta serie, la prossima stagione, ritroveranno i biancoazzurri, chissà se per un’appassionante lotta al vertice insieme a tante altre squadre che renderanno il Girone H un torneo all’ultimo respiro. Per un attimo guardiamo indietro, analizzando le partite che il Matera ha disputato fino al ko di Castellammare di Stabia, che comunque ci poteva stare. I biancoazzurri, comunque, erano sempre lì. E sul campo, avevano dimostrato di poter compere per primi con la Paganese, ma anche contro Bisceglie, Rieti e Siracusa. Avversarie, sulle quali, i biancoazzurri avrebbero fatto la propria corsa.

Certo, nel caso in cui il Matera sarebbe rimasto in Serie C, il regolamento delle retrocessioni sarebbe stato diverso. Però, vista la retrocessione diretta della Paganese, la corsa sarebbe stata per il quartultimo posto, visto che penultima e terzultima si sarebbero sfidate nel play out. La certezza, è che quel Matera, con qualche piccolo rinforzo, ma anche com’era allora, se la sarebbe giocata alla grande contro Bisceglie, Rieti e Siracusa. Ovviamente, non consideriamo tutto il contorno, a cominciare dalle penalizzazioni. La certezza, è che la squadra di Imbimbo, fino al 17 dicembre, aveva conquistato sedici punti sul campo, e con quel bottino si trovava a ridosso della zona play off.

Probabilmente, la squadra non era stata sbagliata come si pensava. Serviva tempo, e soprattutto amalgama. Poi, con qualche altra miglioria, anche con il meno otto di inizio stagione, questo Matera la salvezza l’avrebbe potuta portare a casa. Qualche rimpianto c’è. Perché vedendo quelle che sono le concorrenti per la salvezza, questa squadra avrebbe avuto tutte le carte in regola per restare in Serie C per la sesta stagione di fila.

Commenti

CORSA SALVEZZA - Nuovi scenari nel Girone C: Paganese spacciata. Corsa a tre per evitare lo spareggio
SERIE A - Trentesima giornata, l'anticipo delle 19.00: Di Lorenzo beffa il Napoli. Per l'Empoli è una vittoria fondamentale in ottica salvezza