L'Intervista

ESCLUSIVA - Ag. Dellino: "Gran momento. Giusto proseguire qui"

Roberto Chito
27.08.2018 18:35

L'attaccante Saverio Dellino, foto: Sandro Veglia

"Devo dire che Dellino è andato oltre le più rosee aspettative. Sta facendo davvero bene in questo inizio di stagione e non possiamo che essere soddisfatti". Sono le parole di Claudio Laganà, agente di Saverio Dellino, baby-bomber del Matera che in due partite è andato a segno per ben due volte. L'agente dell’attaccante barese, in esclusiva a TuttoMatera.com, ha parlato delle prime due prodezze del suo assistito che sta sfruttando al meglio ogni singola chance.

Un inizio di stagione davvero travolgente per il suo assistito: giusto?

"Dellino si è sin da subito sentito coinvolto in questo nuovo progetto e sta davvero rendendo al meglio. Era difficile da immaginare solamente un mese fa un esordio di questo tipo. Credo che gli anni passati in prima squadra li hanno fatto davvero molto bene. Ora è al centro del progetto e si sta davvero sentendo parte integrante".

Parliamo di un esterno offensivo che poteva essere svantaggiato dal 3-5-2 di Imbimbo, e invece no. Proprio con questo schieramento sta rendendo al meglio. Come mai?

"Secondo me, lui è una seconda punta per quelle che sono le sue caratteristiche, e non un esterno. Credo che in questo momento stia capendo davvero che la sua posizione ideale era diversa da quella che si immaginava. Con Auteri, negli ultimi anni si è adattato come esterno, ma non lo è. Lo vedo bene in quella posizione e anche Imbimbo sembra essersene accorto".

Così vi ha spinto a continuare a Matera, soprattutto dopo la rivoluzione estiva, sia tecnica che societaria?

"Il ragazzo è un prodotto del Matera. Era giusto continuare in biancoazzurro. Poi, mi sono sentito con il ds Volume che mi ha detto che il ragazzo faceva parte del progetto. Da subito si è sentito parte integrante di questa squadra e il campo, come abbiamo ben visto ne ha dato prova".

Che idea si è fatto di questo nuovo Matera?

"È una squadra giovane, che ha cambiato tutto rispetto al passato. Una squadra allenata da un tecnico che ha sempre lavorato con i giovani e che vanta diversi anni sulle panchine di squadre di settori giovanili. E in questo contesto, anche uno come Dellino può davvero esprimersi al meglio delle sue potenzialità".

Visto l’inizio, crede che quest’anno possa essere la stagione giusta per la consacrazione di Dellino?

"Volo basso. E come lo faccio io, deve farlo anche il giocatore. Subito dopo i due gol ci siamo sentiti e gli ho detto che deve resettare subito il tutto e pensare agli impegni successivi. Quello che è stato, appartiene al passato. Bisogna guardare avanti. In ogni caso, parliamo di un ragazzo del 1999, credo che sia troppo presto parlare di consacrazione. Sarà un anno importante per lui, perché si sente importante per questo progetto. Non dobbiamo dimenticarci che davanti a lui ci sono attaccanti più grandi e con più esperienza. Per questo, Dellino deve essere bravo a sfruttare al meglio tutti i minuti che gli saranno concessi".

E se continua così potrebbero cominciare anche i primi interessamenti da parte di club di categoria superiore: giusto?

"Conta esclusivamente il fatto che faccia bene per il Matera. Poi, al resto si pensa. Ovviamente, se farà bene e ci saranno interessamenti, sarà un bene per tutti. Oltre che per lui, anche per la società. Si tratta di un giocatore di proprietà con il club che ha creduto davvero tanto su di lui. Del futuro, però, se ne riparlerà in un secondo momento. E a prescindere da tutto, le possibili richieste saranno valutate con il Matera".

Commenti

Il bomber che non ti aspetti: Matera, la scoperta di Dellino
Matera-imprenditori: ora c'è una data. Ecco il giorno dell'incontro