Primo Piano

Doppia faccia nella stessa partita? Matera, così è tutto più difficile

Roberto Chito
05.12.2017 19:34

La formazione dei biancoazzurri, foto: Emanuele Taccardi

Perché ogni qual volta le cose sono apparentemente semplici, il Matera fa di tutto per complicarsele, e per giunta ci riesce? Una domanda che si stanno ponendo in tanti in questa prima fase del campionato. Soprattutto il tecnico Auteri che di partita in partita, non riesce a spiegarsi come mai, i suoi hanno questa trasformazione repentina nel corso della partita.

Eppure, il Matera aveva fatto tutto quello che bisognava fare in una partita complicata, contro una Fidelis Andria difficile da affrontare. Le partite, però, durano novanta minuti e bisogna saper avere anche pazienza e soprattutto aspettare il momento propizio per poter colpire. Il Matera lo ha fatto, e dopo un primo tempo decisamente buono, dove ai punti poteva anche passare in vantaggio, nella ripresa, nel giro di dieci minuti è stato capace prima di andare avanti, poi di raddoppiare, mettendo un decisivo lucchetto al match. Meglio di così non poteva andare. Perché sbloccare queste partite è sempre difficile, soprattutto quando non riesci a farlo alle prime chance che ti capitano, e per giunta, commettendo qualche leggerezza, rischi anche di andare sotto. Il Matera, però, ad inizio ripresa è stato bravo a trovare le misure ad una Fidelis Andria, a colpirla la prima volta e anche la seconda. Un due a zero che doveva mettere in ghiaccio una partita dominata, condotta bene, senza troppi rischi.

E invece no. Da un errore di Sernicola, che intercetta di mano un pallone palesemente innocuo, la Fidelis Andria trova un calcio di rigore e nonostante le sbagli, da quel momento in poi, crea diversi grattacapi ai biancoazzurri. Addirittura, gli andriesi accorciano anche le distanze e provano il tutto per tutto con una quantità di attaccanti che entra in campo per poter creare problemi ad un Matera che commette troppe leziosità. Infatti, la partita poteva essere chiusa nuovamente anche sul possibile tre a uno. Non occasioni potenziali, ma palloni che potevano essere gestiti meglio. Infatti, Giovinco e Dungandzic, hanno sui loro piedi due potenziali palloni che dovevano essere sfruttati al meglio.

Invece no, il Matera tiene in bilico una partita nella quale ha rischiato davvero poco. Questo aspetto, nel post partita ha fatto infuriare non poco il tecnico Auteri. Biancoazzurri che hanno rischiato davvero il minimo sindacale contro un avversario generoso che è stato rimesso in partita da un episodio. Matera che ha fatto tutto da solo, come in tante altre partite. Due facce diverse nella stessa partita. Succede da troppo tempo, per questo bisogna migliorare alcune leggerezze che possono compromettere le partite e rischiare di lasciare altri punti per strada.

Commenti

Matera, la ripresa - Testa al Catania. La situazione dei cinque indisponibili
Con il Matera nel cuore: per la Curva Sud sarà una serata magica