Serie A

Juventus, il piano per trattenere Allegri: appuntamento a marzo per dribblare gli assalti esteri. I bianconeri hanno anche due possibili soluzioni

Redazione TuttoMatera.com
09.01.2019 09:34

Il tecnico Massimiliano Allegri, foto: Juventus.com

Entro marzo sarà tutto più chiaro. Intanto, da Madrid vanno già all’assalto: più che sul ritorno di Josè Mourinho, il club di Florentino Perez punta con decisione su Massimiliano Allegri. Dopo il due di picche dato dal livornese la scorsa estate, gli spagnoli ritornano all’assalto: il tecnico italiano è il primo nome per programmare il futuro. Allegri, però, sembra pensare ad un lungo futuro in bianconero.

Infatti, secondo quanto riportato dal quotidiano Tuttosport, entro marzo ci sarà l’incontro decisivo con il presidente Andrea Agnelli che non ha assolutamente intenzione di lasciarlo partire. Le big d’Europa, però, puntano forte sull’ex Cagliari e Milan. Non solo il Real Madrid, anche il Manchester United. La Juventus, però, ha l’asso nella manica per convincere Allegri a restare. Rinnovo fino al 2020 e rosa di alto livello. Infatti, il colpo Cristiano Ronaldo è solamente il primo. Molto, però, dipenderà dalla Champions League, vero obiettivo dalle parti della Continassa dove ormai sono stanchi di vincere solo scudetti e Coppa Italia a ripetizione. Se Allegri deciderà di andar via, stracciando il contratto fino al 2020, la Juventus ha anche due piani.

Il primo, rappresenta quello di dare l’assalto a Zinedine Zidane che potrebbe tornare da tecnico visto che di Champions League è ormai un esperto della panchina. Il secondo, sarebbe il ritorno di Didier Deschamps: difficile, però, che quest’ultimo possa lasciare la Francia ad un anno dall’europeo. Meno accreditate le piste italiane: l’anno scorso si parlò di Simone Inzaghi. In casa bianconera, però, il nome per il presente, e soprattutto per il futuro, è uno: Massimiliano Allegri. Appuntamento a marzo.

Commenti

Dal rinnovo triennale alla partenza? Matera, può salutare un attaccante
Mercato di Serie A - Milan, clamorosa rivoluzione per l'attacco: Higuain, quale futuro? Tante idee per giugno: ma le genovesi e le piccole sono super attive