Serie C News

Lega Pro, il punto della Capotondi: "Qui mi sento a casa e vengo ascoltata. Ruolo delicato ma ho grandi capacità di apprendimento. Tifosi? Serve cambiamento"

Redazione TuttoMatera.com
13.01.2019 18:40

Il vice presidente Cristiana Capotondi della Lega Pro, foto: Fonte Web

"Non possiamo rendere il calcio ostaggio di pochi, quando è patrimonio dei sostenitori virtuosi. Sono convinta che da questo momento di grande difficoltà, possa nascere un cambiamento concreto e positivo. Vogliamo riportare le famiglie e i bambini allo stadio". È il primo commento di Cristiana Capotondi, vice presidente della Lega Pro sulle problematiche del calcio italiano.

Al settimanale Fuorigioco de La Gazzetta Sportiva, il dirigente della terza serie, prosegue: "Il bilancio di questi primi mesi è davvero positivo. Sono stata accolta come una di famiglia e devo dire che le donne, in Lega vengono ascoltate molto. Questa opportunità mi esalta e mi grafitica. È un lavoro, a titolo gratuito, che necessità di tempo, di passione e soprattutto di trasparenza, oltre ad un certo grado di conoscenza dell’ambiente su dinamiche molto diverse da quelle che puoi immaginare da tifoso. Ho grande capacità di apprendimento, per cui, in momenti come questi, molto delicati per il calcio italiano, riesco a seguire bene tutto".

Dal cinema al calcio, anche se Cristiana Capotondi è un’appassionata di questo sport, oltre che grande tifosa della Roma. Dunque, il presidente Ghirelli si è affidata a lei per la vice presidenza: "La mia giornata tipo parte dal lavoro per la Lega Pro, tra pc e telefono, anche se almeno per due o tre giorni a settimana vado a Firenze, nella nostra sede. Lavoro anche quando sono sul set: è già capitato mentre giravo una fiction. Tengo a questo mio nuovo ruolo e alla fine il tempo lo trovo sempre".

Commenti

Amichevoli invernali - Il Rieti fa un figurone contro la Salernitana. E la Paganese cade contro il Frosinone solamente nel finale
Con chi si continuerà questo campionato? Matera, il tempo stringe