Campionato

Querelle Lecce-Catania, in campo scende la Lega Pro: la posizione

Redazione TuttoMatera.com
09.02.2018 15:11

Gabriele Gravina della Lega Pro, foto: TuttoMercatoWeb.com

E adesso scende in campo Gabriele Gravina. Dopo una serie di battibecchi fra Lecce e Catania, con i dirigenti che hanno rilasciato dichiarazioni piccanti a distanza, la Lega Pro ha detto basta. Infatti, le due dirigenze, nei prossimi giorni saranno convocate a Firenze per poter metter fine a questo teatrino che sta oscurando il bel duello sul campo.

POSIZIONE CHIARA – La Lega Pro, infatti, alcuni minuti fa, attraverso un comunicato stampa, ha precisato: "La vicenda si è caricata purtroppo di atteggiamenti non positivi da parte di alcuni dirigenti sportivi, in particolare del dottor Lo Monaco, che invitiamo fermamente a non alimentare sterili polemiche strumentali ed a garantire il corretto comportamento per il sereno svolgimento delle competizioni sportive esclusivamente sul terreno di gioco. A tal fine la Lega ha altresì convocato le società Lecce e Catania lunedì presso la sede di Firenze per tornare ad un clima positivo che ci conduca nelle prossime settimane ad una leale e corretta competizione sportiva".

GRANA VENTURA – Inoltre, la Lega Pro, ha precisato che si è battuta per poter riaprire lo stadio in vista di Bisceglie-Lecce di questa sera: "La Lega ha inviato una dettagliata nota alla Prefettura nella quale veniva posto in rilievo che le criticità di ordine strutturale dell’impianto di Bisceglie erano state superate, come dimostra l’autorizzazione al rientro presso tale impianto concessa dalla Commissione Criteri Infrastrutturali della Figc. Rispetto ai problemi di Ordine Pubblico che hanno spinto l’autorità competente a vietare la trasferta ad i tifosi del Lecce, ferma ed indiscussa l’autonomia della stessa, riteniamo sarebbe stato utile conoscerli per tempo così da potersi attivare in sinergia per la soluzione degli stessi".

Commenti

Massima attenzione Matera: al Torre non è mai una missione facile
Anno nuovo, Matera nuovo: Vittoria cercasi, e il digiuno continua