Primo Piano

MATERA - Tempi supplementari di una partita infinita: come e con chi nascerà la società?

Roberto Chito
22.06.2019 20:25

Il Comune di Matera, FOTO: TUTTOMATERA.COM

La partita è appena cominciata e al triplice fischio dovrà essere trovata la migliore soluzione per poter far ripartire il calcio a Matera. Ma non solo, anche per dare un futuro stabile e soprattutto costruire una società solida che possa durare nel tempo e assicurare il migliore progetto ai biancoazzurri. Una partita importante per il Matera che in questi ultimi giorni sta cercando di ripartire. Perché dopo la manifestazione d’interesse andata deserta, qualcosa si è cominciata a muoversi.

A cominciare dalle intenzioni di Nicola Benedetto che nel faccia a faccia con il sindaco De Ruggieri le ha ribadite. L’imprenditore del metapontino si è detto sempre pronto, anche se le sue perplessità erano relative al fondo perduto di 300 mila euro, motivo per cui non ha presentato la manifestazione d’interesse dopo il fallimento da parte della costituenda Matera 1933 di mettere in piedi una cordata. Negli ultimi giorni, invece, i rumors sono arrivati dalla vicina Altamura. Infatti, l’imprenditore Michele Maggi ha prima avuto un contatto, poi un primo colloquio con sindaco e assessore allo sport per manifestare la propria intenzione di far calcio a Matera. Con un aspetto non da poco: essere affiancato da altri imprenditori, in modo da creare un progetto forte e duraturo nel tempo.

In poche parole, una società di calcio verrebbe sostenuta da più persone e non solo da una. In questo modo sostenibilità e stabilità sarebbero le parole chiavi. Anche lo stesso Benedetto, settimana scorsa si era detto disponibile anche a valutare la possibilità di far parte di un gruppo di imprenditori. Tra l’altro, la stessa cosa l’ha fatta anche con Matera 1933. Però, in che modo si potranno mettere tutte queste persone insieme? Non sarà facile ma sembra essere la linea che in questo momento potrebbe passare. Chi deve sciogliere le proprie riserve, però, è lo stesso Nicola Benedetto. Irreperibile da diversi giorni, l’imprenditore deve far capire le proprie intenzioni.

Anche perché, la manifestazione d’interesse andrà comunque presentata, oltre che al Comune, soprattutto alla Figc. Perché in Via Allegri, solamente dopo aver esaminato i documenti potranno dare il via al nuovo progetto. Dunque, bisogna capire quando andrà in scena questo incontro e oltre a Benedetto e Maggi, chi sarà chiamato a partecipare al tavolo delle trattative per poter creare la nuova società del Matera. Una partita importante che vede giocarsi i supplementari dopo che al novantesimo c’è stato il nulla di fatto. Il momento della verità si avvicina sempre di più.

SERIE D - Riduzione del fondo perduto per l'ammissione? Arriva la chiarezza della Figc
EUROPEI UNDER 21 - Un tris che non basta, vittoria amara a Reggio Emilia: ora gli azzurri devono sperare nel secondo posto