Primo Piano

MATERA - Il giorno della verità è arrivato. Oggi si scoprono le carte: fra raeltà e speranza

Roberto Chito
14.06.2019 09:25

Il comune di Matera, FOTO: TUTTOMATERA.COM - ROBERTO CHITO

Le ultime notizie non fanno premettere a qualcosa di buono. Vero è che la situazione è in costante evoluzione e che solamente alle ore 13.00 si avrà il quadro completo. Perché il tempo della domande e dei processi è pronto a scattare su una situazione gestita davvero male sulla quale ognuno ha le proprie responsabilità.

In questo momento, però, come si suol dire "la speranza è l’ultima a morire" e i tifosi materani, entro le ore 12.59 di quest’oggi aspettano il cosiddetto colpo di scena. Nel pomeriggio, il Comune di Matera dovrebbe comunicare il numero della manifestazioni d’interesse, secondo quanto dettoci dall’addetto stampa, e le successive modalità per poter assegnare il titolo sportivo. Il rischio concreto è che non si entri nella seconda fase, e che la vicenda si possa concludere già oggi. Con zero manifestazioni d’interesse, quale sarà la mossa che il sindaco De Ruggieri vorrà adottare?

Una situazione in costante evoluzione visto che l’amministrazione comunale a più riprese ha affermato di voler riportare il calcio a Matera. Qualche mossa sarebbe lecita aspettarsela, perché passare per quell’amministrazione che attraverso la manifestazione d’interesse non è riuscita a ridare alla propria città una società di calcio è sicuramente un brutto sponsor, soprattutto in un anno importante come questo. Ancora qualche ora prima di scoprire tutte le carte.

In questo venerdì di metà giugno, Matera aspetta e spera. Perché ripartire dalla Serie D, dopo quanto accaduto nell’ultima stagione sportiva doveva essere il minimo. Ora, invece, c’è il rischio concreto di una doppia beffa e di un doppio dramma sportivo. Tutte le città, attraverso la manifestazione d’interesse sono riuscite a ripartire. Il caso-Matera, ancora una volta, rischia di passare alla storia.

MATERA - Verso il bando, la scelta di Bulfaro: "Questa la decisione presa dal nostro gruppo"
ITALIA - Tutto può cambiare in un anno: la lezione del ct Mancini ad una Nazione intera. E ora, tutto è possibile