Primo Piano

MATERA - L'attesa continua e un'altra settimana vola via: quali sono i tempi?

Roberto Chito
13.07.2019 13:00

L'imprenditore Nicola Benedetto, FOTO: FONTE WEB

L’abbiamo definitiva la settimana della svolta ma dopo l’incontro di mercoledì non ci sono stati altri segnali. Un passo importante però, è stato compiuto. I diretti interessati, l’imprenditore Nicola Benedetto e il Comune di Matera, al momento hanno deciso di non rilasciare nessuna dichiarazione. Segno che il dialogo che si è aperto negli ultimi giorni è importante e in questo momento qualsiasi cosa potrebbe compromettere il tutto. Dunque, chi si aspettava la conclusione della faccenda entro la fine di questa settimana è rimasto deluso.

I tifosi aspettano notizie, anche perché secondo loro ogni giorno che passa può essere controproducente. D’altra parte, il Comune e Benedetto continuano a dialogare e probabilmente entro la prossima settimana si rivedranno di nuovo. Ad oggi, però, non c’è nessuna data fissata. Non resta che aspettare comunicazioni da parte dei diretti interessati, con la speranza che possano arrivare il prima possibile. Anche perché, con il Matera escluso dal campionato di Serie C a febbraio, di tempo per poter parlare del futuro ce n’è stato davvero tanto. Insomma, il desiderio era quello di avere ad inizio giugno una nuova società di calcio. Purtroppo, le cose hanno avuto una evoluzione completamente diversa. Al momento, la pista che porta a Nicola Benedetto si è aperta del tutto e potrebbe davvero portare a qualcosa di buono, come si augura tutto l’ambiente, nel breve tempo.

L’imprenditore lucano ha manifestato tutta la propria intenzione a far partire un nuovo progetto calcistico nella Città dei Sassi. Ovviamente, se non porta in Comune la manifestazione d’interesse corredata da tutti i relativi documenti, possiamo stare a parlare a lungo di intenzioni ma di fatti nemmeno l’ombra. Anche da questo punto di vista, probabilmente Nicola Benedetto preferisce non proferire parola e aspettare alcune situazioni che solamente lo stesso imprenditore conosce. Anche perché non conoscendo bene il mondo del calcio, potrebbe vedersi affiancare da alcuni soggetti pronti a dargli qualche dritta per quanto riguarda la manifestazione d’interesse. Perché non si tratta solamente di staccare l’assegno dei 300 mila euro a fondo perduto alla Figc o dei 50 mila euro di iscrizione alla Lnd per il campionato di Serie D.

No, ci sono degli incartamenti che richiedono tempo e pazienza. Dal progetto sportivo al business plain. Prima però, deve chiudersi la partita con il Comune. Questa però, avrà la sua conclusione solamente quando Benedetto si recherà presso Palazzo di Città con il faldone in mano. Poi, il successivo passo con la Figc che dovrà far scattare il semaforo verde per il nuovo titolo sportivo. La speranza è che la situazione possa muoversi il prima possibile. Intanto, un’altra settimana è volata via e lunedì sarà 15 luglio. Proprio a metà mese. Con la speranza che si possa arrivare alla cosiddetta fumata bianca. Anzi, fumata biancoazzurra.

SERIE C - Play off, verso un ritorno al passato? Ora arriva la replicha di Ghirelli: "Questa la verità"
ITALIA - Under 21, parte l'era Nicolato: "Mio percorso lungo ma fa piacere guidare questa macchina. Mancini? Sinergia importante"