Primo Piano

Questo Matera ha bisogno di tempo, ma non ce n'è. Fra campo e società, serve una doppia salvezza

Roberto Chito
01.10.2018 20:15

I tifosi biancoazzurri, foto: Sandro Veglia

Non è un buon momento in casa Matera. I problemi a livello societari si stanno riflettendo sul campo, anche se le due questioni sono separate. Le due sconfitte consecutive, nella tifoseria biancoazzurra hanno fatto sorgere i primi dubbi: questa squadra è all’altezza di lottare per la salvezza? Ovviamente, non possono essere tre partite a dare un verdetto significativo, ma il tifoso biancoazzurri si è diviso.

In campo, il Matera ha conquistato solamente tre punti. Frutto dell’inesperienza di una squadra che per la categoria è giovane e che in organico vanta diversi giocatori di Serie D. Questo, però, lo si sapeva già da prima. E non sono due sconfitte a far sorgere i dubbi su una squadra che ha sicuramente bisogno di tempo per poter trovare la quadra. Sbagliando si impara, soprattutto quando serve fare esperienza partita dopo partita. Di tempo, però, purtroppo non ce n’è. Infatti, il Matera, a breve sarà penalizzato. Prima, bisogna scontare la penalità che arriverà dall’ultimo deferimento. Poi, probabilmente, quella per la mancata sostituzione della fidejussione. Quanti punti? Difficile fare una stima, ma la certezza è che la penalizzazione arriverà. Anche il club lo ha ammesso.

Il presidente Nicola Andrisani, però, da questo punto di vista sta battagliando e attraverso un ufficio legale di Roma, ha già avanzato una serie di ricorsi per poter limitare i danni. Ovviamente, ogni punto di penalizzazione può essere deleterio in vista dell’obiettivo salvezza. Questo poi, costringe la squadra a fare necessariamente punti per poter cercare di azzerare la penalizzazione e non perdere il distacco con le dirette concorrenti. Ovviamente, bisogna fare punti e ogni sconfitta che arriva può essere significante. Questo, non fa altro che mettere pressione su una squadra giovane, che ovviamente qualche errore lo commette. È fisiologico che quando si costruisce una squadra in questo modo, quantomeno all’inizio qualcosa la si paga.

Il problema è che con le penalizzazioni, ogni punto perso può essere davvero fatale. Non resta che aspettare anche il meccanismo delle retrocessioni. La Lega Pro, da questo punto di vista non si è ancora espresso. Però, sembra che si vada incontro alla linea della passata stagione. La speranza poi, è che qualcuno possa affiancare il presidente Nicola Andrisani, cercando di rinforzare una squadra che già senza penalizzazione lotterebbe fino all’ultimo minuto dell’ultima giornata per salvarsi. In questo modo, con qualche innesto di esperienza si possa fare punti che alla fine siano determinanti. Sarà una stagione di sofferenza.

Questo, però, era ben chiaro dall’inizio. La speranza è che la penalizzazione non sia così forte come si pensi, soprattutto per la questione penalizzazione che possa rappresentare la punta dell’iceberg. Intanto, in campo, il Matera deve cominciare a commettere meno errori, e portare a casa le partite. Perché perdere una partita così a Vibo Valentia, anche quando il pareggio sarebbe stato stretto, non è ammissibile. La speranza è che le cose possano cambiare, sia in campo che in società. Perché il destino delle due salvezze, al momento sono collegate.

Commenti

Tre punti e tanti rimpianti: Matera, e così settembre se ne va via
Serie A, il posticipo del lunedì - La Sampdoria torna a vincere: ribaltata la Spal al Ferraris e l'Europa torna nel mirino