Sala Stampa

Lamberti: "Tolleranza zero per la squadra. Mercato complesso"

Roberto Chito
07.11.2018 18:45

Il presidente Rosario Lamberti, foto: Emanuele Taccardi

"Purtroppo se non ci sono rescissioni, non ci possono essere nuovi acquisti a meno che non riguardano gli under. Io sto facendo il massimo come dimostrano i fatti di questi due giorni. Sto dimostrando di amare il Matera con atti concreti, risolvendo diversi problemi". Non usa mezzi termini il presidente Rosario Lamberti nel spiegare la situazione. Un punto completo, senza peli sulla lingua e con massima chiarezza.

Dal mercato al campo. Il massimo dirigente Rosario Lamberti è davvero chiaro e in questo momento non cerca scuse o quant’altro. La richiesta è chiara: "Contro la Viterbese voglio assolutamente la vittoria. Sono stanco di vedere quel meno quattro in classifica e che soprattutto gente di Avellino mi deride per l’ultimo posto. Ora bisogna vincere, bisogna fare punti per cominciare a costruire la salvezza. Per la squadra, da questo momento in poi ci sarà tolleranza zero. I giocatori che scendono in campo devono dare il massimo, andando oltre i loro limiti per conquistare un risultato positivo. Non voglio che alcuni giocatori abbiano frainteso la mia bontà. Incontrerò la squadra, le parlerò. Trapani? C’è tanta amarezza. Loro hanno fatto solo due tiri in porta, tra l’altro andando in vantaggio con il gol dell’anno. Noi, però, non abbiamo mai tirato verso la loro porta".

In questo momento, il mercato è l’argomento principale e Lamberti, anche da questo punto di vista, chiarisce tutto: "In organico ci sono giocatori che hanno ingaggi altissimi e che poi in campo non riescono a saltare più di dieci metri. Questo non va bene. Alcuni di questi non ci stanno permettendo di fare mercato perché non vogliono rescindere il loro contratto. Stiamo risanando il club, e acquistare nuovi over, avendone sul groppone altri, oltre a pagare stipendi in più, servono altri 50 mila euro di fidejussione. Stiamo facendo i salti mortali sotto tutti i punti di vista. Abbiamo solamente alcune caselle libere per gli under sui quali stiamo lavorando. Anche perché, nel mercato degli svincolati è meglio andare su questi, in attesa di gennaio dove potremo fare scelte diverse".

Lamberti, subito dopo presenterà l’attaccante Gianvito Plasmati sul quale, afferma: "I miei collaboratori dovranno fare il massimo per avere l’ok dalla Lega e farlo scendere in campo. È un giocatore che ci serve, ha grande voglia, è determinato. Quando sono arrivato mi hanno detto che c’era un altro da firmare: era quelli di Plasmati. Prima di questo passo, ho preferito incontrarlo. Ci siamo guardati negli occhi, ci ho parlato e ho trovato subito il giocatore giusto per il Matera. Ha questa squadra nel cuore, forse più di tutti. Turi? Non è un contratto che ho firmato io. Si tratta di un giocatore che ha giocato due partite negli ultimi tre anni. Uno spreco aver occupato una casella over così".

Infine poi, Lamberti lancia un messaggio ai tifosi biancoazzurri: "Abbiamo bisogno di loro, ora più che mai. Io dal punto di vista amministrativo e tecnico sto cercando di fare il massimo, di più non posso fare. Si tifa per il Matera, non per Lamberti. Questa squadra appartiene ai tifosi e alla Città. Poi loro sono liberi di fischiare e protestare, io non vado via. Ho un progetto da perseguire. Però, devono sapere che più passano i giorni e le settimane e più questi colori bianco e azzurro mi stanno entrando nel cuore".

Commenti

Matera, la salvezza sarà prima nel club: arrivano dei grandi segnali
Plasmati: "Aspettavo questo momento. Forma fisica? Ecco come sto"