Primo Piano

MATERA - La protesta del popolo biancoazzurro è via social: secco no ad una soluzione

Roberto Chito
16.07.2019 20:00

Pallone Serie D, FOTO: GIANLUCA ALBORE

Una cosa è chiara: no all’Eccellenza o qualsiasi altro campionato regionale. Questa è l’opinione dei tifosi biancoazzurri che in caso di mancata iscrizione in Serie D non vorrebbero nessuna ancora di salvataggio che vedrebbe i biancoazzurri ripartire dai campionati regionali, a partire dall’Eccellenza. Il popolo biancoazzurro è abbastanza chiaro sotto questo aspetto: o Serie D, o nulla.

Pensiero netto per coloro che dopo aver visto sparire il calcio dalla propria Città nel peggior dei modi e a campionato in corso, non vorrebbero una seconda umiliazione. Perché non potrebbe essere un campionato regionale la dimensione di una Città Capitale Europa della Cultura. Sarebbe una grandissima figuraccia andare a giocare nei campi impolverati della Regione. Anche perché, qualche sostenitore materano sospetta anche il fatto di quadro fatto apposta per questa situazione. In vista delle prossime elezioni comunali, qualcuno si metterebbe addosso i panni di salvatore della patria ripartendo dall’Eccellenza, con l’obiettivo di vincere il campionato ed ottenere consensi. Ipotesi e idee che si leggono sui vari gruppi Facebook che in questo momento sono l’unica valvola di sfogo.

Purtroppo, quello di ripartire dai campionati regionali, non potrebbe assolutamente più consensi. Infatti, avrebbe l’effetto contrario. In Eccellenza, Promozione o Prima Categoria, il seguito sarebbe minimo, se non nullo. Dunque, non sarebbe affatto un piano da mandare in porto. Anzi, sarebbe un modo per poter manifestare il dissenso. La speranza, come si dice in questi casi è davvero l’ultima a morire. Adesso, non resta che aspettare nel buon esito della pista che porta alla Serie D. Fra fiducia e speranza non resta che aspettare.

MATERA - Basta silenzio: ora la Città vuole risposte e lancia la chiamata ai diretti interessati
ICC - Fiorentina, buona la prima: rimontato il Chivas. E Montella e Commisso esprimono tutta la soddisfazione