Primo Piano

La partita è aperta: Matera-Procura Federale, sarà battaglia. Club fiducioso: ecco i principali motivi

Roberto Chito
03.12.2018 22:00

Il presidente Rosario Lamberti, foto: Sandro Veglia

C’è fiducia. Quantomeno secondo la voce del club biancoazzurro. Il Matera, dopo aver incassato questo deferimento, è già al lavoro per poter preparare le memorie difensive e affrontare quest’altra battaglia che va di pari passo con quello che è l’obiettivo della salvezza sul campo. In ogni caso, il presidente Rosario Lamberti, insieme al suo entourage le sta provando di tutte.

La Redazione di TuttoMatera.com, subito dopo il deferimento arrivato in serata, ha contattato prima il presidente Lamberti, poi il legale del club biancoazzurro, l’avvocato Salvatore Napolitano. Quest’ultimo è fiducioso e sta già preparando diverse memorie difensivo da affrontare nelle sedi opportune. Addirittura, il club biancoazzurro, subentrato il 15 ottobre, ha chiesto alla Procura Federale di patteggiare, ma quest’ultima ha rifiutato. Ovviamente, il punto cruciale è il rischio che si corre dopo questo deferimento. L’avvocato Napolitano, sostiene che potrebbe arrivare qualche punto di penalizzazione. Quest’ultimo, però, sostiene che non si arriverà a questo. Si parla di una possibile squalifica dell’amministratore unico e di un’ammenda per il club. In ogni caso, il Matera sa come comportanti e il legale non ci ha potuto fornire particolari su come si muoveranno nelle sedi opportune.

Il club biancoazzurro, però, sta facendo di tutto per risolvere i problemi. La Procura Federale continua ad insistere sulla parte contributiva, ed è lì che il Matera fornirà le risposte necessarie. In ogni caso, l’avvocato Salvatore Napolitano sostiene che non arriveranno altri deferimenti, anche perché alcuni capi d’accusa già presenti nel deferimento di settembre, sono stati ripetuti in quello di oggi. Dunque, la richiesta del Matera sarà quella di una semplice ammenda in base ad un articolo della Giustizia Sportiva. Poi, dipenderà da quando sarà fissata l’udienza. Ma il club biancoazzurro non lascerà nulla al caso e nulla di intentato. Fuori dal campo, c’è tutto per poter vincere questa battaglia. E a tal proposito, il presidente Rosario Lamberti, è stato chiaro: "Con il Matera sto giocando due partite. È uno stillicidio ma non mi fermo".

Questo il messaggio del massimo dirigente che sta davvero facendo di tutto, insieme al suo entourage per poter risolvere la situazione. La proprietà, da quando è arrivata ha pagato tutto quello che si doveva pagare. Certezze che sono state susseguite dai fatti, e anche da questo, è uno dei motivi per il quale provvedere alle memorie difensive. Passo dopo passo si sta lavorando per assicurare al Matera l’iscrizione al prossimo campionato, anche in vista delle nuove norme della Figc per le Licenze Nazionali. In attesa di conoscere la data dell’udienza per quanto riguarda questo deferimento, si conosce già quella relativa al -8 arrivato ad ottobre.

Appuntamento fissato a venerdì 14 dicembre per poter capire se il Matera avrà indietro i famosi due punti che tanto ha decantato il presidente Lamberti. Su questo punto, l’avvocato Napolitano ci ha confermato che c’è assoluta fiducia. A quell’appuntamento, il club biancoazzurro si presenterà con altre certezze, in modo da confermare che dal 15 ottobre ad oggi sono stati fatti una serie di miracoli. In attesa del prossimo. Perché la battaglia non è solo sul terreno di gioco, ma anche fuori. Soprattutto fuori, dove il Matera deve ottenere una vittoria importante.

Commenti

Altro deferimento dalla Procura Federale per il Matera. Ecco i motivi
Serie A, il posticipo del lunedì - Napoli, ci pensa Milik: sua la rete che mette al tappeto l'Atalanta. L'undici di Ancelotti si prende il secondo posto