News

Play off, Cosenza: grande beffa nel finale. Sudtirol cinico e spietato: decide Cia al fotofinish. La cronaca

Redazione TuttoMatera.com
06.06.2018 22:05

L'esultanza del Sudtirol, foto: Fonte Web

Grande beffa per il Cosenza. Il pareggio sarebbe stato stretto ai rossoblu, figuriamoci la sconfitta maturata al Druso. Infatti, a passare è il Sudtirol che grazie all’unico tiro nello specchio della porta di tutta la partita, trova con Cia la rete del vittoria. All’undici di Braglia, servirà l’impresa domenica sera al San Vito Muralla. Intanto, la strada si mette in salita.

Primo tempo senza grosse occasioni. Buona intensità da parte di entrambe le formazioni, ma nessuna riesce a sfondare. Più prudenza rispetto al resto nei primi quarantacinque minuti. Diversa, invece, la ripresa. È il Cosenza, infatti, ad avere le migliori occasioni per sbloccarla. Ci prova per due volte Mungo, ma il numero 7 rossoblu no è cinico. La prima grande chance arriva al 25’ con un gran bel tiro di Corsi che trova il miracolo di Offredi che devia in corner. La partita sembra essere destinata al pareggio, ma ci pensa Cia, in pieno recupero a freddare il Cosenza. Cross di Broh: la sporca Cia con Saracco che compie un autentico miracolo. La palla, però, resta lì e il tirolese stampa in rete.

    

IL TABELLINO

SUDTIROL-COSENZA 1-0

RETI: al 46’ st Cia (S).

SUDTIROL (3-5-2): Offredi, Erlic, Sgardi, Vinetot, Tait, Smith (dal 28′ st Bertoni), Broh, Fink (dal 16′ st Cia), Frascatore (dal 41′ st Zanchi), Costantino, Candellone (dal 28′ st Heatley). A disposizione: D’Egidio, Berardocco, Baldan, Boccalari, Oneto, Gatto, Berardi. Allenatore: Zanetti

COSENZA (3-5-2): Saracco, Idda, Dermaku, Camigliano (dal 3’ pt Pascali), Corsi, Bruccini, Palmiero, Mungo (dal 26′ st Perez), D’Orazio, Tutino (dal 26′ st Calamai), Okereke. A disposizione: Zommers, Pascali, Pasqualoni, Boniotti, Ramos, Loviso, Trovato, Baclet. Allenatore: Braglia.

ARBITRO: Dionisi de L’Aquila.

Commenti

Roselli in pole ma non è il solo: Matera, altri tre nomi? La situazione
Play off, Catania quanto spreco. Il Siena non perdona: Marotta segna, Barisic spreca. La cronaca