Calcio Mercato

Dammacco, corsa a tre?? Non solo Reggio Audace, altri due in corsa

Roberto Chito
14.01.2019 22:01

L'attaccante Gaetano Dammacco in azione, foto: Sandro Veglia

Sembrava essere destinato al nord, precisamente a Reggio Emilia. In queste ore, però, sull’attaccante Gaetano Dammacco c’è anche il pressing di Virtus Francavilla e Bisceglie che se lo stanno contendendo per poterlo strappare agli emiliani che sembrano aver già in mano l’accordo. Probabilmente, fra qualche giorno, non appena il prodotto del vivaio biancoazzurro si svincolerà, né capiremo di più.

In Emilia Romagna, però, hanno sempre dato per fatto l’affare. Tant’è che il tecnico Antonioli, nel pre partita di sabato si è espresso molto bene sulle caratteristiche del giovane esterno offensivo del Matera. L’allenatore della Reggio Audace ha affermato che il trequartista di Bari ha caratteristiche che attualmente nessun giocatore della sua rosa possiede. Dunque, un apprezzamento c’è tutto. E da quanto si è avuto modo di capire, anche l’accordo. Addirittura, l’arrivo di Gaetano Dammacco a Reggio Emilia doveva esserci già la scorsa settimana. E invece, se non otterrà lo svincolo dal Matera non potrà vestire ancora nessuna maglia. La Reggio Audace, però, deve guardarsi le spalle dalle pretendenti.

Soprattutto dalle due pugliesi, Bisceglie e Virtus Francavilla che sembrano essersi inserite per strappare il baby attaccante agli emiliani. Infatti, l’ex ds dei biancoazzurri Mariano Fernandez conosce e non poco le qualità di Dammacco per averlo visto muovere i primi passi nella stagione 2015-16. Quasi tre stagioni dopo, il barese è notevolmente maturato e nella rosa di Trocini potrebbe rappresentare un’ottima arma. Stesso discorso del Bisceglie che ha da diverso tempo il sì di Saverio Dellino e vorrebbe formare una coppia d’attacco con i due baby ormai ex Matera. Chi la spunterà? Reggio Audace, Virtus Francavilla e Bisceglie, puntano il talentino barese.

Commenti

Under 17, non basta il gol di Ahmetaj. Under 15, grande successo
Capuano lo chiama, Orlando glissa: Matera, un addio in attacco?