Serie C News

SERIE C - Non doveva essere un'estate tranquilla? La vittoria di Bisceglie e Cerignola può aprire diversi scenari. La situazione

Redazione TuttoMatera.com
24.07.2019 11:21

Francesco Ghirelli della Serie C, FOTO: FONTE WEB

La gatta frettolosa, fa i figli ciechi. Alla fine, tutta questa fretta di avere Gironi e calendari entro la fine di luglio ha portato la Lega Pro a trovarsi di fronte ad un problema davvero di non poco conto: quella Serie C che doveva partire con 59 squadre, adesso ne ha 61. Sì, una in più rispetto a quanto dovrebbe essere l’organico. Questo perché, subito dopo il Consiglio Federale di metà mese, la Lega Pro ha provveduto a stilare i tre Gironi della Serie C, subito dopo aver ufficializzato club riammessi e ripescati.

L’unico problema è che le due società escluse, in questo caso Bisceglie e Cerignola, hanno fatto ricorso al Collegio di Garanzia del Coni, avendo ragione. In questo modo, la Lega Pro che non si è ancora espressa in merito riguardo la situazione che si è venuta a creare, si trova con una società in più. A questo punto, potrebbe esserci la possibilità di una stagione in sovrannumero con una retrocessione in più nel campionato che vedrà ai nastri di partenza 21 squadre. Dunque, invece di tre retrocessioni, quattro. Una soluzione che potrebbe far contenti tutti. Ma siamo sicuri? Sicuramente, si poteva aspettare il parere del Coni prima di procedere con ripescaggi e riammissioni.

L’estate tranquilla che la coppia Gravina-Ghirelli ha tanto decantato nelle ultime ore, sembra essere ancora una volta torrida. Alcuni sostengono che il campionato difficilmente partirà nel weekend del 25 agosto. E domani, a Roma dovranno essere stilati i calendari con Bisceglie e Cerignola che non sono state ancora ufficializzate dalla Lega Pro. Cosa bolle in pentola? Le prossime ore saranno decisive. A questo punto, però, non si esclude il possibile rinvio dei calendari.

ICC - Milan, esordio con ko: buona prova contro il Bayern Monaco, con Cutrone che si divora il pari. La cronaca
ICC - Il primo derby d'Italia lo decide Buffon: la Juventus la spunta ai rigori ma Conte può finalmente sorridere