Campionato

Girone C, dodici cambi in panchina fino a questo momento: quasi la metà dei club ha cambiato allenatore. La situazione

Redazione TuttoMatera.com
09.01.2019 16:35

Il pallone della Serie C, foto: Sandro Veglia

Al momento sono ben dodici i cambi in panchina. Nove società su diciannove hanno cambiato. Molte delle quali per diversi volte. Diversi, però, sono stati i tecnici in pectore in attesa di una soluzione. Questo, il borsino del Girone C dopo ben venti partite. Chi ha cambiato più volte è il Siracusa. Però, fra le gestioni Pagana e Pazienza, per ben due volta è stato chiamato Raciti, tecnico della Primavera.

Quattro cambi finora, con quest’ultimo che è ancora in sella alla panchina del De Simone. Anche la Sicula Leonzio, dopo aver ricevuto le dimissioni di Bianco, si è dovuta affidare ad Alderisi per una partita prima di puntare su Torrente. Le altre sette, invece, hanno cambiato solamente una volta. La mappa degli esoneri si è aperta con le dimissioni di Ragno a Potenza, rimpiazzato subito da Raffaele. Dopo diverse stagioni, esonero anche in casa Virtus Francavilla: via Zavettieri, dentro Trocini. Dura pochissimo anche la pazienza di Piero Camilli che solamente due partite dopo dall’esordio della sua Viterbese a novembre, decide di chiudere il rapporto con Lopez e richiamare Sottili.

Cambia anche la Paganese: la partenza di Fusco è da horror, così si decide di richiamare De Sanzo, autore della salvezza una stagione prima. Cambia anche la Casertana. Fra polemiche e contestazioni, Fontana paga per tutti. D’Agostino si affida alla soluzione interna puntando su Tedesco. A Bisceglie, invece, il tecnico Ciro Ginestra dice basta alla vigilia della sfida contro il Bisceglie. In panchina ci va Antonio Bruno che compie l’impresa e viene riconfermato per le successive partite. L’ultimo cambio in panchina arriva a Rieti. Dopo la cessione del club, Cheu decide di dire basta: gli azzurrogranata chiamano Capuano che torna nel Girone C dopo diverse stagioni.

Commenti

Buongiorno Mercato - Caos attorno a Di Piazza: dove andrà la punta? Viterbese e Reggina davvero scatenate. Mi muovono anche le piccole
Quale futuro per Bangu? Tris di pretendenti sul mediano: la situazione