Il Tema

Un colpo a polemiche e calcio malato: la lezione arriva dai più giovani

Roberto Chito
27.12.2018 17:55

I ragazzi della Berretti scesi in campo, foto: Sandro Veglia

Ricevere una chiamata la sera del giorno di Natale per giocare una partita di Serie C alcune ore dopo, ha sicuramente fatto tremare le gambe a più di qualcuno. Essere chiamati per scendere in campo, sostituendo i giocatori più grandi che hanno dichiarato lo sciopero. Rispondere presenti nonostante tutto. Perché molti hanno abbandonato le famiglie, amici e fidanzate per trascorrere un Natale diverso, raggiungendo la Città dei Sassi.

Potevano essere molti di più, invece, quelli che sono riusciti a farcela meritano solamente applausi. Non è facile scendere in campo contro una squadra professionistica, sapendo di subire una sconfitta netta. Ma che senso ha parlare di calcio? Nessuno. Per questo, invece, di continuare a fare polemiche sulla decisione giusta o sbagliata di mandare in campo un manipolo di ragazzi, la cosa migliore è solamente applaudirli. La stessa cosa che è stata fatta dai circa cinquecento tifosi del XXI Settembre-Franco Salerno ieri pomeriggio. I tifosi di Matera e Reggina hanno destinato applausi a dei ragazzi che hanno difeso i colori biancoazzurri. Perché il calcio è pur sempre una passione. Ora non sappiamo se quei giocatori che ieri sono scesi in campo, domani diventeranno grandi giocatori.

Sicuramente, sappiamo che diventeranno grandi uomini. Perché accettare una sfida del genere non era facile. Buttarsi a capofitto in campo per affrontare una partita dall’esito scontato era la decisione più difficile da pendere. Alla fine, però, per chi ama questo sport è quella più facile. Perché, almeno ieri pomeriggio, abbiamo assistito ad una partita di calcio vero. Quello che dovrebbe essere d’esempio per i più giovani. E a dare la lezione più grande a questo mondo che sta andando alla deriva sono stati ragazzi del 2000, 2001 e 2002. Perché per una volta meglio mettere da parte le polemiche e applaudire il coraggio di questi ragazzi.

Commenti

Girone C, il posticipo - Calapai lancia il Catania: successo importanti per l'undici rossoazzurro. Battuto il Rieti ma vetta lontana
Metterci la faccia anche quando non si deve: la lezione di Danza