Tutto Calcio

CHAMPIONS LEAGUE - Pali, palle gol e sfortuna: il Napoli non passa a Genk. La squadra di Ancelotti si divora l'impossibile

Redazione TuttoMatera.com
02.10.2019 21:55

Una fase di Genk-Napoli, FOTO: UEFA.COM

Tre pali, un salvataggio sulla linea, una rassegna di palle gol ed un dominio costante. Ma non basta. Il Napoli sbatte contro il muro del Genk, che sembra più un muro del pianto per la disperazione azzurra di non aver vinto una partita assolutamente comandata.

In neppure mezzora si capisce l'andazzo delle stelle. Callejon colpisce il palo a botta sicura, sulla respinta arriva Milik e scheggia la traversa. Tempo dieci minuti e ancora stacco di Arek: traversa piena. Se si fosse giocato con la vecchia regola dei cortili "tre pali un rigore", il Napoli avrebbe forse battuto anche la fatalità. Nella ripresa stesso leit-motiv con una pressione continua e un ventaglio di occasioni in tutte le salse.

Ma quando non entra, pazienza. Il pareggio è comunque positivo, considerato che si giocava in trasferta, e tiene il Napoli in piena corsa per la qualificazione, a maggior ragione dopo il successo sul Liverpool. Discorso aperto anche per quanto riguarda il primo posto, anche se il tutto dipenderà dalla sfida di Anfield.

ECCELLENZA - Cambia il risultato di Ferrandina-Montescaglioso: ecco il motivo
SERIE A - Calcio in lutto: è morto Squinzi, l'uomo che ha fatto volare il Sassuolo dalla Serie C all'Europa League