Sala Stampa

Parte il nuovo corso biancoazzurro. Lamberti: "Matera, fidati di noi". De Simone: "Piedi per terra"

Roberto Chito
19.07.2018 21:25

Il presidente Lamberti e il direttore generale De Simone, foto: Emanuele Taccardi

"Capisco tutti i dubbi e lo scetticismo ma siamo venuti a Matera per fare grandi cose, il nostro obiettivo è vincere. Vogliamo una società che faccia della chiarezza e della trasparenza i suoi cavalli di battaglia, in modo da diventare un esempio in Italia. Magari sbaglieremo, commetteremo errori ma cercheremo di fare sempre il massimo". Con queste parole, Rosario Lamberti si presenta come nuovo presidente del club biancoazzurro a stampa e tifosi.

Primi applausi da parte dei tifosi biancoazzurri che comunque apprezzano le prime parole dell’imprenditore irpino, che poi continua: "Il Matera siete voi, noi ci siamo semplicemente prestati a questo ruolo. Però, dovete consentirmi una cosa: le mie squadre del cuore sono Cagliari e Avellino, che è quella della mia Città, e ovviamente, adesso entra anche il Matera nel novero di queste realtà. Partiamo con l’intento di fare bene. Confido nel lavoro del ds Volume e del tecnico Imbimbo che sono fondamentali per il nostro progetto e saranno scelte perseverate nel tempo. A loro spetterà il compito di costruire la nuova squadra. Io non interferirò in questo, perché rispetto i ruoli e non mi permetterei mai. La mia vita privata? Ne faccio quello che voglio. Sono un antisistema e non significa che debba per forza dare delle spiegazioni per quanto ho fatto. Ho scelto un lavoro che implica di metterci sempre la faccia ma la mia vita privata la lascio per me".

Nei dettagli del progetto entra il direttore generale De Simone: "Il primo obiettivo è quello di mantenere la Serie C. Non vuol dire precludersi un obiettivo maggiore ma avere un punto di partenza. Matera è una squadra importante e si merita una squadra sbarazzina. Conosco la passione e l’affetto della gente e se oggi sono diventato un direttore generale di una squadra di Serie C lo devo al lavoro e al tanto sacrificio fatto in questi anni. Non facciamo promesse inutili. Sappiamo che vincere è bello, piace a tutti ma non vogliamo fare cose folli. Tutti gli obiettivi sono belli da raggiungere ma non facili".

Gli fanno eco anche le parole del vice presidente Martino Scibilia che afferma: "La piazza e la realtà di Matera la conoscevo abbastanza bene. Ho avuto modo di apprezzarla in questi anni. Spero di poter dare tutto il mio contributo al raggiungimento di un traguardo importante per la Città dei Sassi. Vogliamo fare grandi cose".

Commenti

UFFICIALE - Matera, ecco lo staff completo: fra tecnico e dirigenziale
Volume: "Matera, il derby è la priorità. Mercato? Queste le linee guida"