Gli Azzurri

Nazionale, parla Mancini: "Oltre la vittoria tutti hanno notato qualcosa di diverso. L'europeo? Questa la nostra priorità"

Redazione TuttoMatera.com
22.10.2018 10:05

Il ct Roberto Mancini, foto: Figc.it

"Il fatto di non essere andati al mondiale è stata una tragedia un po’ per tutti, giocatori compresi. Appena arrivato ho cercato di ridare tranquillità al gruppo, che ovviamente non lo erano dopo una delusione del genere". A parlare è Roberto Mancini che negli studi di Sky Calcio Club, ieri sera ha fatto un po’ il punto della situazione su questi primi mesi in azzurro.

A cominciare dalle belle cose viste contro la Polonia: "Il mio intento è quello di far divertire la squadra. Se riusciamo in questo, anche i tifosi potranno riaffezionarsi ai colori azzurri. La cosa bella dopo questa partita non è stata solo la vittoria, ma l’idea di aver visto da parte di tutti qualcosa di diverso. Gli attaccanti? Immobile ha la mia fiducia, altrimenti non lo avrei chiamato. Nella Lazio fa tanti gol, sono convinto che si ripeterà anche in Nazionale. Questo discorso, però, vale un po’ per tutti. La mia speranza è di avere l’imbarazzo della scelta in questa posizione".

Mancini, fin dal primo momento, ha sempre parlato che l’obiettivo è quello degli europei del 2020: "Innanzitutto dobbiamo qualificarsi. Poi, in due anni possono cambiare davvero tante cose. Soprattutto la squadra, che può migliorare molto. A parte Chiellini, sono tutti ragazzi abbastanza giovani e ci saranno tutti. Il Portogallo? Il 17 novembre andremo in campo sereni e tranquilli. Poi vediamo cosa succede".

Commenti

Serie A, la nona giornata - A San Siro decide Icardi. La Juventus si ferma, il Napoli no. Corsa salvezza: Chievo, adesso si fa dura
Figc, il giorno dell'election day - Da Fabbricini a Gravina: il calcio italiano è ormai al bivio. Sarà il momento giusto per la svolta?