Gli Ex

Toh chi si rivede: Matera, una vecchia conoscenza ti farà battaglia: il ricordo di una metà stagione da protagonista

Redazione TuttoMatera.com
08.12.2018 12:10

L'attaccante Maikol Negro, foto: Fonte Web

Per quattro mesi ha fatto letteralmente impazzire una città intera. Segnava a grappoli, era praticamente implacabile. Ogni tiro in porta era gol. Poi il calo. Il buio che aveva coinvolto tutta la squadra colpì anche lui. Dai gol a grappoli a prestazioni negative. Stiamo parlando di Maikol Negro che domani pomeriggio ritroverà i suoi ex tifosi al XXI Settembre-Franco Salerno.

Nonostante ciò, l’avventura dell’attaccante leccese è stata davvero positiva. Ancora oggi, i tifosi materani non possono fare a meno di ricordarlo. Arrivato nell’estate 2016 nello scetticismo generale del pubblico materano, a suon di prestazioni, e soprattutto di gol, Negro ha conquistato il pubblico materano. In 43 partite è andato a segno per ben 21 volte realizzando tre doppiette e una tripletta. Ha messo a segno anche 11 assist. Nel 3-4-3 era il falso nueve, colui che creava diversi problemi nelle difese avversarie. Da prima punta, infatti, ha giocato ben 29 partita, realizzando 16 reti e 10 assist. Altra posizione in cui ha fatto davvero bene è quella di ala sinistra. Ci ha giocato per otto volte, realizzando 3 reti e 2 assist. Negro ha giocato anche a sinistra nel tridente e come trequartista.

Non può che restare il ricordo di una grandissima metà stagione. Nell’estate 2017, l’attaccante poi, fece le valigie e andò a Pisa. L’avventura non fu delle migliori. Un anno dopo arrivò la rescissione. Su di lui c’era una lunga lista di pretendenti. Ma alla fine, ha deciso di sposare il progetto del Rende. Dopo quasi un mese di infortunio, lo scorso weekend è tornato in campo contro la Casertana. E domani pomeriggio, di fronte si troverà la sua ex squadra. Quella con la quale, conserva davvero tanti bei ricordi.

Commenti

Deciso l'arbitro di Matera-Rende: Ad un figlio d'arte assegnata la sfida del XXI Settembre
Triarico: "Serve qualcosa in più. La classifica? Ecco quando conterà"