CORSA SALVEZZA - Nuovi scenari nel Girone C: Paganese spacciata. Corsa a tre per evitare lo spareggio

Roberto Chito
03.04.2019 19:27

Il pallone della Serie C, foto: Fonte Web

Una è praticamente già spacciata. In tre lottano per evitare il penultimo posto, che visto il nuovo regolamento vorrebbe dire spareggio play out. A cinque giornate dalla fine, impazza, dunque, anche la lotta salvezza. Premesso che la Paganese è ormai spacciata, la cui retrocessione matematica potrebbe arrivare già nel prossimo weekend, il resto è tutto da vivere.

Perché una fra Siracusa, Rieti e Bisceglie, andrà a giocarsi il play out contro una formazione del Girone A. Una situazione che nessuno avrebbe previsto solamente qualche settimana fa. Perché dopo l’esclusione del Matera, in molti pensavano che la retrocessione sarebbe stata solamente una: la Paganese, ormai spacciata, visto che dal Bisceglie penultimo ha ben quindici punti di svantaggio. Un margine che a cinque giornate dalla fine del campionato, è davvero impossibile da recuperare. Dunque, la lotta, sarà tutta a tre. Al momento, è il Bisceglie la formazione che andrebbe a giocarsi lo spareggio. I neroazzurri, hanno tre punti di svantaggio su Rieti e Siracusa. Però, c’è un piccolo-grane dettaglio che gioca a favore dei pugliesi: le dirette concorrenti, nel prossimo breve periodo saranno entrambe penalizzate.

Laziali e siciliani, infatti, rischiano dai due ai quattro punti di penalizzazione, il chè gioverebbe a favore del Bisceglie, al termine di una stagione ricca di colpi di scena, viste le due maxi rivoluzioni stagionali che hanno comunque permesso ai neroazzurri di giocarsi le chance di salvezza. Cinque partite alla fine, ma ormai chi è impelagato nei bassifondi ha un obiettivo ben preciso: evitare il penultimo posto, e visti i margini risicati non sono esclusi colpi di scena.

IL RECUPERO - Fischi per il Catania, e la Viterbese fa il colpaccio al Massimino: decide Tsonev. La cronaca
MATERA - I rimpianti aumentano per quello che poteva essere ma che non è stato? Ecco il vero motivo