Sala Stampa

Ripoli: "Matera, ci sono interessi ma tempi stretti. Ora Columella"

Roberto Chito
25.06.2018 11:15

L'avvocato Vitantonio Ripoli durante la conferenza stampa di oggi, foto: TuttoMatera.com

"Quando Columella mi ha chiesto di allagare la base societaria reclutando nuovi soci, ho avuto delle richieste per poter far partire un nuovo progetto. Allo stato attuale, però, i tempi sono davvero stretti e se c’è una persona che, al momento, può garantire l’iscrizione al Matera al prossimo campionato di Serie C, questa è Saverio Columella". In sintesi, è quello il pensiero dell’avvocato Vitantonio Ripoli, che questa mattina, nel suo studio legale ha intrattenuto uno conferenza stampa per poter far luce sulla situazione del club biancoazzurro. L’avvocato Ripoli, però, parte a razzo, riavvolgendo il nastro: "Columella, tempo fa è venuto nel mio studio, chiedendomi la disponibilità di allargare la base societaria e in un primo momento lo aveva chiesto direttamente anche a me. Ho dato il mia disponibilità a dargli una mano per reclutare imprenditori. Mi sono messo al lavoro cercando personalmente in Città e in Provincia, figure interessate. Nessuno ha manifestato la volontà di entrare in società ma di dar vita ad un nuovo progetto. Ne ho parlato con Columella, il 16 ci siamo visti. Gli ho detto quali erano le intenzioni e si era mostrato disponibile a parlare con queste persone per cedere la società. Mi ha informato che il bilancio era zero, visto che in Lega ci sono crediti importanti che vanno a ripianare le perdite, per questo era interessato a vendere sottoscrivendo un preliminare di vendita. Ho subito parlato con un imprenditore che aveva manifestato il suo interesse ma mi ha subito informato che era pronto a far partire questo progetto se con lui ci sarebbero state altre figure. E così, ancora una volta, mi sono messo a lavoro cercando di raccogliere adesioni non superiori a 50 mila euro. Avendo fatto calcio, avevo le idee chiare su chi andare ad interpellare. In totale ho raccolto due adesioni in Provincia e una a Matera. Fra questi, poi, c’erano tre indecisi e uno in forse. Inoltre, ho avuto anche alcune disponibilità per delle sponsorizzazioni importanti da parte di figure non interessate ad entrare in società. Venerdì 22 giugno era in programma questo incontro con questi imprenditori, ma per una serie di questioni non c’è stato. Ovviamente, la figura di riferimento senza gli altri non avrebbe voluto fare niente. Dopodichè ho subito informato Columella che mi aveva detto che avrebbe indetto una conferenza stampa o fatto un comunicato". Al momento, il maggior avversario di tutti, sembra essere il tempo, come sottoscrive l’avvocato Ripoli: "Se questa intenzione fosse stata manifestata fra aprile-maggio, le cose sarebbero andate in maniera diversa. Purtroppo, al momento i tempi sono stretti, visto che domani c’è una scadenza importante e entro il 30 giugno bisogna assicurare l’iscrizione. La Serie C, per Matera è una realtà importante e nell’anno di Capitale Europea della Cultura non si può perdere questo privilegio, anche perché per ritrovarla bisogna metterci quantomeno dieci anni". Quali sviluppi bisogna attendersi nelle prossime ore? E ancora una volta l’avvocato Ripoli fa il punto della situazione: "In questo momento, questi imprenditori stanno riflettendo. Sono persone serie e non credo che stiano scherzando o addirittura giocando. Ripeto, i tempi sono gli avversari di tutti. A Columella, però, non possiamo rimproverargli niente perché si è messo a completa disposizione della situazione". E infatti, ancora una volta, la palla passa ancora all’imprenditore altamurano: "Cosa farà non lo so. Al momento, però, è l’unica persona che può assicurare l’iscrizione al Matera in Serie C. Tutto dipende da lui. Poi, non so se dopo l’iscrizione avrà voglia di continuare a trattare o di andare avanti da solo. Anche perché, c’è una stagione da programmare e una squadra da rifare".

Commenti

Buongiorno Mercato - Catania, tre idee per affiancare Curiale. Catanzaro, si pensa alla linea verde. Vibonese, quante idee. Virtus, ora la punta. Monopoli, cercasi portiere
La missione di Ripoli: trovata la cordata. E adesso cosa succederà?