Primo Piano

Matera formato Coppa Italia: Auteri pensa al possibile undici. Le ultime

Molti, come Tonti, Dugandzic, Corado, Sartore e Dammacco dovrebbero trovare spazio dall'inizio contro la Reggina

Redazione TuttoMatera.com
19.11.2017 20:31

L'esterno offensivo Francisco Sartore, foto: Sandro Veglia

Servirà l’allenamento di domani pomeriggio per poter sciogliere gli ultimi dubbi in vista del match di Coppa Italia. Il Matera vuole dimenticare, e anche in fretta, il ko di Rende e il momentaccio che sta attraversando in campionato. Per questo, la competizione tricolore, potrebbe essere uno spunto importante per ritrovare nuove energie. La Coppa Italia, come sappiamo, viene riservata a quelle pedine che hanno giocato meno. E anche questa volta, sarà così.

Magari, concedere un pomeriggio di riposo a coloro che sono sempre scesi in campo. In ogni caso, prima di poter capire quale sarà l’undici in campo, sarà importante capire chi potrà recuperare. Soprattutto in difesa, reparto che al momento vede diverse assenze. Dunque, ancora presto per poter dare quantomeno un abbozzo dell’undici anti Reggina. In ogni caso, Auteri dovrebbe lanciare dal primo minuto, quelle pedine che finora hanno giocato meno, o che sono appena rientrate dall’infortunio. Per questo, il portiere Tonti, dopo i minuti giocati ieri pomeriggio, esordirà dal primo minuto in questa stagione. A centrocampo, poi, in rampa di lancio dovrebbero esserci Maimone e Salandria dal primo minuto.

E in attacco, sicuramente, le punte Dammacco, Sartore, e soprattutto Dugandzic e Corado che hanno bisogno di ritrovare il giusto ritmo partita, e magari qualche rete che non guasterebbe mai, anche a livello di autostima. Poi, bisognerà capire se ci sarà spazio per qualche pedina della Berretti. Una Coppa Italia che in questo momento potrebbe essere il giusto trampolino per il riscatto che il Matera cerca dopo poco più di un mese di astinenza da vittorie.

Commenti

Matera, c'è qualcosa che non va. Squadra in crisi per tanti fattori
Serie A, panchine che scottano: un'altra a forte rischio? La situazione