Sala Stampa

Imbimbo: "Matera, ecco cosa mi aspetto. Mercato? C'è tanta fiducia"

Roberto Chito
07.08.2018 20:52

Il tecnico Eduardo Imbimbo, foto: Sandro Veglia-MateraCalcio.it

"Voglio ringraziare le persone che mi hanno portato qui: Lamberti e De Simone. Probabilmente, senza di loro le cose si potevano sviluppare in maniera diversa. Ringrazio il ds Volume e la nuova proprietà per avermi dato fiducia nel cominciare un’avventura che per noi sarà difficile". Prima di presentare la partita, il tecnico Eduardo Imbimbo decide di fare una dedica speciale dopo gli eventi degli ultimi giorni.

Poi, si pensa al presente imminente. Imbimbo è pronto ad esordio sulla panchina biancoazzurra e lo farà nel derby contro il Potenza: "Questa è una sfida che mi fa sentire vivo. Esordiremo in una sfida affascinante ma al contempo difficile. Però, sono convinto che in questi giorni la squadra ha recepito al meglio tutti i messaggi. Al di là di tutte le vicissitudini, negli occhi dei giocatori vedo tanta consapevolezza anche se la condizione non può essere al massimo. Io comunque, vedo già qualcosa di positivo. Posso dire che quella di domani sarà una partita di orgoglio, dove ci sarà tanto sacrificio per rispettare quelle persone che negli ultimi giorni hanno fatto un miracolo sportivo e hanno permesso a noi di essere qui. A fine partita sarò contento se la mia squadra avrà dato l’anima. E ovviamente, sarò contento anche di vedere qualche movimento che abbiamo provato in questa settimana".

Su che Matera vedremo in campo, però, Imbimbo, gioca a carte coperte: "Ovviamente non posso dire cose che potrebbero dare una mano ai nostri avversari. Però, mi auguro di sviluppare un calcio e dei movimenti sincronizzati per lo smarcamento, dove ogni singolo giocatore deve rendersi conto che deve occupare lo spazio e in quali tempi. Se riusciamo a fare queste giocare potremmo facilitarci nel possesso palla. Questo è il mio modo di fare calcio. Poi potremo metterci anche a tre, a cinque o a quattro in difesa, conta poco. I numeri non fanno la differenza. Spero che i giocatori capiscano realmente che il calcio di oggi deve essere super propositivo e bisogna smarcarsi in qualsiasi situazioni e in qualsiasi tempistica sulla giocata".

Sul fatto che il Matera non abbia così tanto poco da perdere, Imbimbo, precisa: "È la classica frase dovuta alla situazione. Giustamente, nella testa dei tifosi e dei dirigenti c’è la scusante del ritardo di preparazione, ma per me non è così. Senza mezzi termini dico che tutti i giocatori, sia esperti che non, possano reggere l’impatto di una partita così importante. Io, però, non ci sto a perdere con nessuno. Logicamente se gli avversari saranno più bravi, faremo i complimenti. Però, dire che non abbiamo nulla da perdere non mi piace. Sono convinto che faremo di tutto per farci rispettare".

Il fatto che il campionato slitti a settembre potrebbe essere una notizia buona per il Matera, ma non per Imbimbo: "Lavoreremo tantissimo dopo Ferragosto e i carichi di lavoro verranno smaltiti da quella settimana in poi. Se si partiva a fine agosto, la squadra poteva stare un pochino di più sulla brillantezza rispetto ad un carico che noi dovremo per forza fare perché conosco bene questa categoria. Mercato? Qualcosa manca. Volume sa il fatto suo per come riempire quelle caselle che sono vuote e che possano farci fare il salto di qualità".

Commenti

Volume: "Matera, grande orgoglio. Mercato? Manca ancora qualcosa"
Buongiorno Mercato - Casertana, pronta la spesa da Avellino? Leonzio, irruzione per l'attacco. Cavese e Viterbese, i primi obiettivi