Tutto Calcio

CHAMPIONS LEAGUE - L'Atalanta sfiora l'impresa contro il City: amarezza nel finale e primo punto conquistato per sperare ancora. La cronaca

Redazione TuttoMatera.com
06.11.2019 23:31

Una fase di Atalanta-Manchester City, FOTO: UEFA.COM

Sicuramente, se alla vigilia qualcuno avesse detto a Gasperini che avrebbe portato a casa un punto contro il Manchester City, ci avrebbe messo subito la firma. A fine partita, no. Perché l’uno a uno di questa sera lascia l’amaro in bocca all’Atalanta che nel finale di partita non riesce a trovare la rete del vantaggio. Il pareggio lascia il discorso aperto e con sei punti nelle prossime due partite, i bergamaschi possono ancora staccare il pass europeo.

La prima occasione è di Hateboer: conclusione al volo sul fondo, ma poi è il Manchester City a crescere e a sbloccare il match dopo 7′ con Sterling al termine di una bella azione corale in velocità. City che si rende poi pericoloso ancora con Sterling e Gabriel Jesus. Al 39′ rigore per City, ma il Var interviene perché la trattenuta di Toloi su Sterling è fuori area. Il rigore arriva comunque al 41′ per un fallo di mano di Ilicic in barriera. Ma Gabriel Jesus non ne approfitta e calcia a lato il rigore del possibile 0-2 al 43′. Secondo tempo di grande coraggio con l’Atalanta che parte determinata, si rende subito pericolosa con Ilicic.

Poi, trova l’1-1 con Pasalic: colpo di testa su splendido cross da sinistra di Gomez. Il pareggio accresce la fiducia della squadra di Gasperini che sfiora il vantaggio con Djimsiti con colpo di testa a lato. Al 36′ il Manchester City resta in dieci e perde il portiere Bravo, subentrato all’intervallo a Ederson, espulso per fallo da ultimo uomo sul lanciato Ilicic. In porta va un difensore, Walker, ma il Manchester City riesce a congelare il gioco, l’unico tiro nello specchio del City è di Malinovskyi, ma centrale.

SERIE C - Coppa Italia, i match della serata: due big vanno subito fuori, tante le vittorie con molte reti. I risultati
CHAMPIONS LEAGUE - La situazione delle italiane: Juventus già agli ottavi, Napoli quasi. Inter e Atalanta, ecco cosa serve