Il Tema

USD MATERA - Quale impianto per il nuovo club materano? Si resta ancora in attesa di una risposta

Roberto Chito
05.10.2019 11:10

Lo stadio XXI Settembre-Franco Salerno, FOTO: FONTE WEB

Il problema c’è e bisogna risolverlo il prima possibile: dove andrà a giocare l’Usd Matera 2019 nella stagione che si appresta a cominciare? Una domanda alla quale nemmeno l’assessore allo sport Giuseppe Tragni ha saputo dare una risposta. Il rischio di emigrare nei campi della Provincia, però, c’è tutto. E sarebbe davvero clamoroso. Perché una squadra della Città dei Sassi deve giocare nel proprio territorio, soprattutto se si appresta a sviluppare un progetto davvero importante.

Però, secondo una legge non scritta, le società di categoria superiore hanno la precedenza. Al momento, però, è solo il Città dei Sassi che dispone dell’utilizzo del XXI Settembre-Franco Salerno. La società guidata da Martoccia che ad inizio settembre si era presa l’onere di rappresentare Matera nel calcio, usufruisce del maggior impianto cittadino. L’Usd Matera, però, non vuole assolutamente entrare in contrasto con le altre società, soprattutto se queste hanno la priorità. Per questo, da questo punto di vista, hanno dato ampia disponibilità all’amministrazione comunale. Giocare il sabato pomeriggio, magari ad un orario agevole per tutti, oppure la domenica mattina alle ore 11.00 potrebbe essere la giusta soluzione per tutti.

Anche perché, a detta delle parole dell’assessore allo sport Giuseppe Tragni, né il Rende, né tantomeno il Picerno approderanno nella Città dei Sassi per disputare le loro partite casalnghe. I primi, ormai a Vibo Valentia hanno trovato la migliore soluzione logistica. I secondi anche, perché Potenza è più vicina a Picerno rispetto a Matera. E così, il XXI Settembre-Franco Salerno si troverebbe ad ospitare il solo Città dei Sassi. Il buon senso, porterebbe ad aprire anche le porte dell’impianto di Via Sicilia all’Usd Matera 2019. Questione di collaborazione, perché Matera viene prima del Rende o del Picerno.

Matera viene prima, soprattutto se si vuole ripartire. E avviare questo nuovo corso nello stadio dove tutto è finito lo scorso 13 febbraio, sarebbe l’occasione giusta per tutti. Ad oggi, però, l’Usd Matera non ha ancora la certezza di dove andrà a giocare le proprie partite casalinghe. L’ipotesi Miglionico sarebbe la grande beffa e l’ennesima risposta che nella Città dei Sassi bisogna ancora crescere e maturare. La speranza è che tutto vada a buon fine e si trovi la giusta soluzione. Solo il tempo, però, ci darà risposte su questo.

MATERA - L'assessore Tragni: "Auguro il meglio al nuovo club. Rende? Questa la situazione"
GIRONE C - Catania, parla Camplone: "Non possiamo avere due facce. Ternana? Semplice da preparare: ecco cosa mi aspetto"