Calcio Mercato

Il casting continua: Matera, si pensa ad un tecnico esperto? La situazione

Roberto Chito
29.05.2018 00:25

L'allenatore Giorgio Roselli, foto: Fonte Web

Al vaglio c’è un nuovo profilo. Sembra aggiungersi un altro pretendente alla panchina biancoazzurra. Si tratta di Giorgio Roselli, ormai fermo da dicembre 2016, quando venne esonerato dal Cosenza. Un nome esperto, che in terza serie ha sempre allenato e che dunque conoscerebbe al meglio le difficoltà di un torneo non semplice, soprattutto nella prossima stagione per diverse motivazioni.

Secondo quarto riportato da TuttoC.com, nelle ultime ore, sembra che il club biancoazzurro sia balzato prepotentemente sul profilo di Giorgio Roselli. Un tecnico, che quando si è seduto sulla panchina del Cosenza ha dato in diverse occasioni filo da torcere al Matera. Il tecnico di Montone, in terza serie è uno dei profili più esperti. Sembra che nelle giornata di ieri ci siano stati degli importanti contatti. Difficile, però, poter dire, chi è avvantaggiato al momento. Le chance di Roselli, comunque, in queste ore sembrano essere in salita. Il Matera sembra pensare a lui. È sicuramente il nome a sorpresa rispetto a quelli circolati nelle ultime ore.

Giorgio Roselli nel mirino del Matera: e ora, cosa succederà? Lo scopriremo nei prossimi giorni. Come rivelato da TuttoMtera.com nei giorni scorsi, sembra difficile che la scelta del nuovo allenatore possa concludersi in tempi brevi. Sicuramente, il patron Saverio Columella e il consulente di mercato Simone Spadafora, al momento, vorranno valutare al meglio tutti i profili disponibili, a seconda di situazioni tecniche e tattiche. Anche perché, il Matera è una squadra completamente da rifare, per questo bisogna capire come costruirla.

E per costruirla, ovviamente, serve l’allenatore. A seconda del profilo scelto, poi, saranno individuati diversi giocati. Roselli, infatti, sarebbe il profilo della concretezza: squadra arcigna, non spettacolare ma che bada al sodo. A Cosenza poi, dopo essere subentrato a Cappellacci, ha svolto un ottimo lavoro, arrivando alla conquista della Coppa Italia di categoria, ma catapultando il Cosenza come una delle outsider del torneo nel giro di pochissimo tempo.

Commenti

Nazionale, Mancini: "Diverse le cose positive. Importante vincere per tanti aspetti"
Casertana, idee chiare per il post D'Angelo? Un ex Rende in pole position