L'Editoriale

EDITORIALE - Martoccia ci chiude le porte? La verità continueremo sempre a raccontarla ai nostri lettori

Roberto Chito
14.12.2019 22:40

Il direttore Roberto Chito di TuttoMatera.com, FOTO: EMANUELE TACCARDI

"Non scrivi quello che piace a me? E allora io non ti do più notizie". Un classico. Al quale siamo abituati. È un gioco che funziona così. Quando si scrive qualcosa che dà fastidio, alla fine si viene messi da parte. E oggi, vi racconto cos’è successo. Fortunato Martoccia, presidente del Città dei Sassi, a suo dire la prima squadra di Matera, ha deciso di non fornire più notizie sulla sua società a noi di TuttoMatera.com. Il problema? Beh, molto chiaro.

A Martoccia avranno dato fastidio gli ultimi articoli che abbiamo pubblicato sulla sua società che da qualche settimana non si sta proprio comportando come la prima squadra di Matera. Perché una squadra che rappresenta una città come la nostra, non incassa ventisei gol in quattro partite, non perde undici a zero a Viggianello, e qualche settimana prima non si presenta ad una partita in sette giocatori la cui fortuna è stato il violento nubifragio che ha portato al rinvio del match. Martoccia, deve sapere che se si vuole davvero infierire sul suo progetto sportivo che ormai sembra fare acqua da tutte le parti, si hanno elementi a sufficienza per farlo. E poi, ci venisse a dire ancora una volta che scriviamo fesserie, senza mai dirci quali sono queste fesserie. Qui, il problema è la città di Matera che sta davvero facendo delle brutte figure, e la persona che guida la "prima squadra di Matera" non si è ancora accorto in quale tunnel è entrato.

Una società che ad inizio stagione si era presentata con tutti gli slogan di questo mondo, parlando di progetti importanti, non sembra essere arrivata nemmeno a dicembre. Troppo poco per un progetto vincente, non credete? Vogliamo sapere da Martoccia quali sono gli articoli spazzatura che abbiamo scritto sulla sua società? Non è colpa nostra se il Città dei Sassi (scusatemi ma il nome Matera non riesco ad accostarlo) nelle ultime settimane sta facendo figuracce in giro per la Basilicata? Non è colpa nostra se i giocatori hanno deciso di andare via, visto che le promesse che lo stesso Martoccia aveva fatto ad un certo punto non sono state più rispettate. Non è colpa nostra se raccontiamo fatti, facendo parlare ragazzi ai quali gli è stato dato dei mercenari ma che hanno ricevuto un comportamento non bello. Non è colpa nostra se Martoccia si è trovato solo, alla guida di una barca che sembra essere ormai alla deriva.

Caro Martoccia, questi non sono articoli spazzatura ma semplicemente la verità. E questa, dalla nascita di TuttoMatera.com l’abbiamo sempre scritta. Anzi, potevamo scriverla proprio tutta, non mascherando alcune cose che sicuramente potevano far fare brutta figura alla nostra città. Perché qui è il nome di Matera che conta più di tutti e chi dice di rappresentarlo non si è ancora reso conto di che onere si è preso ad agosto quando sembrava tutto bello. Alla fine, hanno parlato i risultati. In tempi non sospetti, il sottoscritto, ad inizio settembre aveva provato a dialogare con il presidente Martoccia, dandogli qualche consiglio utile su come provare ad innescare entusiasmo e avvicinamento dei tifosi. Purtroppo, non siamo stati ascoltati. Il risultato? XXI Settembre-Franco Salerno vuoto e progetto snobbato da tutti.

Come mai i materani vanno a vedere la Seconda Categoria e non la squadra di Martoccia? Chissà se il presidente qualche domanda se l’è fatta su questo aspetto. I fatti parlano. Mai nessuno ha avuto qualcosa contro il Città dei Sassi ma che venga utilizzato il nome di Matera in questo modo, dopo le brucianti umiliazioni di quest’estate non va bene. Martoccia può pure non darci più notizie, ce ne faremo una ragione. Non è un problema. In questo modo allontanerà ancor più persone. Invece di fare mea culpa ed imparare dagli errori, cercando di mettere una pezza ad una toppa troppo grande, continua con il suo atteggiamento. Martoccia può pure non darci più notizie, alla fine parleranno i fatti. Ha detto che squadra e allenatore sono top secret: a chi lo fa il dispetto?

Sicuramente a chi vorrebbe vedere le partite della sua squadra. Probabilmente, non gli interessa nemmeno di questo. Non basta giocare al XXI Settembre-Franco Salerno, oppure mettersi addosso la maglia con la diagonale celeste (eppure i colori del Matera sono biancoazzurro, quindi doveva essere azzurra), oppure dire che la sua è la prima squadra di Matera per rappresentarla al meglio.

Non possiamo fare che un in bocca al lupo a Fortunato Martoccia per il suo progetto sportivo, con l’augurio che questo momento difficile possa terminare e che questa squadra top secret possa regalare alla Città la Serie D in tre anni. Per il resto, parleranno ancora una volta i risultati. Noi, però, continueremo a raccontare ancora una volta la verità.

SASSI MATERA - Santorufo avvia la ripartenza: a Montescaglioso con un gradito ritorno
GIRONE C - L'anticipo: la Ternana toppa ancora, e la Cavese sorride. La cronaca