Basket

LA COPERTINA - Olimpia Matera, e pensare che questo grande capolavoro poteva non esserci

Roberto Chito
07.01.2020 10:45

I tifosi dell'Olimpia Matera, FOTO: ROBERTO LINZALONE-OLIMPIAMATERA.IT

Non chiamatelo miracolo. Sarebbe scorretto nei confronti del lavoro di qualcuno. Perchè quando si semina nella maniera migliore, la logica conseguenza sono i risultati. E questa Olimpia Matera gli ha ottenuti. Forse, anche oltre le più rosee aspettative. Perchè oggi sembra tutto bellissimo, quasi tutto facile. Ma bisogna andare indietro di qualche mese. Tornare all’estate, quando l’iscrizione dell’Olimpia Matera al campionato di Serie B sembrava essere a rischio. 

Il pericolo di auto-retrocessione era altissimo. Insomma, sarebbe stato buttato alle ortiche un anno di semina che aveva visto il roster di coach Origlio chiudere al quarto posto ed essere eliminati ai play off da San Severo. Alla fine, però, la società ha deciso di andare avanti. Disperdere quanto creato sarebbe stato deleterio. Inizialmente, il neo-presidente Sassone aveva parlato di obiettivi non ambiziosi, visto il tempo che si era perso nella costruzione della squadra. La verità è che la coppia Grappasonni-Origlio stavano già lavorando per poter migliorare un roster che dopo una buonissima annata aveva solamente margini di miglioramento. E così, è nata l’Olimpia Matera 2019-2020 che dai nomi portati nella Città dei Sassi aveva un unico obiettivo: guardare all’alta classifica, disputando un ottimo campionato, giocandosela contro le big.

E così è stato. Le sconfitte contro Corato, Nardò e Bisceglie hanno lasciato un po’ di amaro in bocca. Soprattutto fuori casa il trend era troppo negativo. Anche perchè, le altre correvano forti. Coach Origlio, però ha sempre guardato con positività consapevole che una squadra nuova aveva bisogno di tempo e che da una stagione lunghissima c’era tempo per trovare riscatto. E così è stato. Le nove vittorie consecutive sono una grandissima risposta. Vittorie arrivate anche contro Salerno e Palestrina che sono le prime outsider dei biancoazzurri per quanto riguarda la vetta della classifica. Un vero e proprio capolavoro costruito con fatica e sudore, che poteva non esserci.

Perchè se in estate fosse stata presa una decisione diversa, tutto questo non sarebbe successo. Ed invece no. L’Olimpia Matera c’è, e c’è nel migliore dei modi in questo campionato. L’obiettivo delle Final Eight di Coppa Italia non può che dare lustro ad una società che ha sempre lavorato bene, tenendo i conti in ordine e non facendo mai il passo più lungo della gamba. La coppia Grappasonni-Origlio, poi, hanno fatto il resto. Hanno messo su un roster che non è secondo a nessuno e che soprattutto nei play off è pronto a fare la voce grossa. Senza dimenticare la Coppa Italia, perchè può essere un obiettivo non impossibile.

Per questo, quello dell’Olimpia Matera non può essere chiamato miracolo ma capolavoro. Per quando si lavora, e lo si fa bene, alla fine è normale raggiungere determinati traguardi. Ovviamente la stagione è ancora lunga e c’è tanto da fare. Siamo solamente al girone di andata, al giro di boa, e non ci vuole nulla a gettare alle ortiche tutto quanto. La sensazione però, è che questa Olimpia Matera dopo un inizio balbettante ha davvero svoltato nel migliore dei modi ed è pronta ad un finale di stagione importantissimo.

OLIMPIA MATERA - Battaglia: "Piccoli passi che fanno un anno. Restiamo sul pezzo"
PRIMA CATEGORIA - Domenica si torna in campo: le materane pronte alla ripartenza?