Calcio News

Calcio caos, botta e risposta fra Gravina e Balata. La Lega di B entra in tackle sulla decisione del Tar. E la Figc cala la prima mossa

Redazione TuttoMatera.com
25.10.2018 21:20

Il neo presidente della Figc Gabriele Gravina, foto: Figc.it

Ormai è tutti contro tutti. La sentenza del Tar emessa nella giornata di ieri, ha provocato non poche spaccature fra le varie componenti. La Lega Serie B non ci sta e impugna la sentenza di ieri, inoltrando ricorso al Consiglio di Stato. La serie cadetta è compatta sul fatto che la Serie B debba restare a 19 squadre e accusa la Figc di aver cambiato le carte in tavola.

"Chi pensa di riportare in capo a questa governance la responsabilità dell’attuale situazione sul format del campionato di Serie B, la cui gravità è sotto gli occhi di tutti, così come ben evidenziato dalle ordinanze del Tar del Lazio, ha sbagliato indirizzo. A tal proposito, ho deciso di convocare tempestivamente il Consiglio Federale, unico organo statutariamente competente per decidere". Questa la dichiarazione di Gabriele Gravina appresa la notizia della impugnazione da parte della Lega di Serie B dei provvedimenti adottati ieri dal Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio al Consiglio di Stato.

Sì, perché la Serie B, attraverso le parole del presidente Balata fa davvero sul serio: "Abbiamo deciso di impugnare l'ordinanza cautelare provvisoria del Tar, che ha modificato e ribaltato alcuni concetti cristallizzati. Il diritto primario che va tutelato è quello delle società che hanno legittimo diritto a svolgere il campionato di B, secondo il format deliberato dalla Figc. Oggi scopriamo che la stessa Figc non riconosce più queste delibere e che tutela soggetti non identificabili attraverso un istituto non regolamentato che si chiama ripescaggio".

Commenti

Il mercato può aspettare per ora: Matera, se ne riparlerà solamente a gennaio: ecco la motivazione
UFFICIALE - Nel caos totale la Lega Pro mantiene lucidità e segue la strada intrapresa da Gravina: la decisione per il prossimo weekend