Primo Piano

Matera, profumo di Coppa Italia: quale valore alla competizione?

Il match con la Reggina arriva in un momento difficile: tante assenze e squadra in crisi. Coppa Italia, quale valore?

Redazione TuttoMatera.com
20.11.2017 19:24

La formazione dei biancoazzurri contro il Trapani, foto: Sandro Veglia

Il punto più alto della competizione tricolore è stato toccato l’anno scorso. Ci sono ancora un po’ di rimpianti per come sono andate le cose. Una grande beffa. Perché il Matera, si è visto condizionare una partita che non si era affatto messa bene. Le decisioni dell’arbitro Fourneau, hanno inciso e non poco, condizionando anche il match. Alla fine, poi, la Coppa Italia è andata nella bacheca del Venezia, che è riuscito a rimontare la sconfitta dell’andata.

Al XXI Settembre, infatti, decise una rete di Negro. In Laguna, invece, gli arancioneroverdi, si imposero tre a uno. Una lunga galoppata, dai sedicesimi, alla finale. Matera che riuscì ad eliminare anche formazioni come Lecce e Foggia, campione in carica, che poi si giocarono la promozione in Serie B fino a poche giornate dalla fine del campionato. Biancoazzurri che la passata stagione sono arrivati fino in fondo, incentrando tutte le loro attenzioni sulla Coppa Italia che diventò il vero obiettivo della stagione. E quest’anno? Quali sono gli scenari per la competizione tricolore? Spesso, questo trofeo viene bistrattato o messo in secondo piano, venendo considerato non primario. Il problema, però, in questo momento, in casa Matera è un altro: la situazione difficile che si sta attraversando. I biancoazzurri, non vincono da cinque partite e, peraltro si trovano anche al decimo posto. Hanno di fatto perso posizioni e in cinque partite hanno conquistato la miseria di due punti. Un bottino troppo misero per una formazione che punta ai play off, e che ha fissato come obiettivo stagionale quello di arrivare nelle prime cinque posizioni.

Anche perché, in tutti i campionati disputati finora, i biancoazzurri hanno sempre fatto bene, dimostrando il loro valore. Quest’anno, però, le cose, sin da subito non si sono messe bene. Alla mancanza di risultati, si sono aggiunte anche le numerose assenze che non permettono ad Auteri di mettere in campo la miglior formazione possibile. Una squadra che non riesce ad essere brillante, ad avere idee, e ad essere lucida, e soprattutto cinica. Al primo tiro in porta, subisce gol. Giocare ogni sette giorni, da questo punto di vista sta diventando dispendioso. Per questo, domani, in campo andranno molti giocatori che finora hanno giocato poco e niente. Il problema maggiore, è che è davvero difficile poter ipotizzare un undici, viste le tante assenze e le carenze in alcuni ruoli, come in difesa e le corsie di centrocampo.

La sensazione, è che questo impegno di Coppa Italia arrivi in un momento della stagione davvero sbagliato. Il Matera ne avrebbe fatto volentieri a meno di scendere in campo domani pomeriggio. Con una coperta così corta, sembra essere davvero difficile che i biancoazzurri possano compiere una cavalcata importante come quella della passata stagione. In questo momento, l’obiettivo principale sembra essere quello di guadagnare posizioni in campionato. E sabato pomeriggio, ci sarà la difficile sfida contro la Virtus Francavilla, che in questo torneo si sta confermando su buonissimi livelli per il secondo anno consecutivo. Per questo, il valore che può avere questa Coppa Italia è tutto da valutare.

Commenti

Tonti: "Matera, arriveranno tempi migliori. L'esordio? Molto felice"
Tutto sotto controllo: Matera, ecco le condizioni di Golubovic