Primo Piano

Vittoria e bella prova, il Matera fa il tris di risultati puntando la salvezza: e ora il test col Catania

Roberto Chito
25.11.2018 16:55

L'esultanza finale dei biancoazzurri, foto: Sandro Veglia

Vittoria e prestazione. Questa volta, il bicchiere non è mezzo pieno ma lo è per intero. Contro il Siracusa, il Matera conquista tre punti fondamentali, i primi tre del proprio campionato. Agguanta al penultimo posto la Paganese e può cominciare la propria scalata alla salvezza. Ci sono circa trequarti di campionato da giocare ancora. Il Matera, nelle ultime settimane è cresciuto e ha dimostrato di poter essere sempre sul pezzo.

Contro Viterbese e Potenza erano arrivati quattro punti importanti. Necessari per poter azzerare la penalizzazione e ricominciare da zero. E al primo appuntamento, i biancoazzurri non hanno perso occasione di mettere in classifica i primi tre punti del proprio campionato. Laggiù, sarà corsa fino alla fine ma con una Paganese che non ingrana, e una Viterbese che potrebbe trovarsi clamorosamente risucchiata in quella corsa, la lotta per restare in Serie C sembra essere davvero intensa. Molto poi, dipenderà anche dal numero di retrocessioni. Inutile però, fare questo tipo di discorsi. Meglio guardare avanti, ad un Matera che ieri ha visto, e ha anche convinto. Alla vigilia, il tecnico Imbimbo aveva chiesto questo ai suoi: vincere, e soprattutto disputare una buonissima partita. Contro Viterbese e Potenza, i biancoazzurri avevano fatto punti, ma dal punto di vista del gioco non erano stati così belli. Poco importa, perché quando ti devi salvare, ogni punto lo devi portare a casa con le unghie e con i denti.

E i sette punti conquistati in tre partite, sono davvero un ottimo bottino. Perché la vittoria contro il Siracusa è solamente l’inizio di un percorso che si preannuncia davvero difficile. Il Matera, ha giocato probabilmente la migliore partita finora. Forse anche merito del 4-4-2 che sembra essere perfetto per questa squadra. Imbimbo, ha deciso di dare continuità di modulo e di uomini, eccezion fatta per alcuni squalificati che dovevano essere per forza sostituiti. Biancoazzurri che hanno sempre avuto il comando del gioco, rischiando davvero in pochissime circostanze. Un Matera che ha avuto molte occasione per sbloccare. Ben due con Plasmati. E Nella ripresa, Triarico, ancora una volta dimostra di essere tornato ad essere quel giocatore di due anni fa. Due assist decisivi sulla corsia destra, il suo territorio.

Ricci, sia come esterno a sinistra, sia come trequartista è una garanzia. Un altro giocatore ritrovato dopo tanti anni bui. Bene anche la difesa che non ha concesso davvero nulla. Peccato per la rete realizzata da Catania che ha beffato il Matera nel miglior momenti. L’undici di Imbimbo, infatti, era in totale controllo della partita. Il Siracusa, non aveva mai dato la vera impressione di rendersi pericolosa. Però, il segnale che qualcosa è davvero cambiato, arriva con la rete del due a uno. Passano appena centoventi secondi e il Matera buca di nuovo la porta di Gomis. Una reazione di carattere, segno che la svolta è davvero arrivata e che questa squadra, in questo momento vive uno dei migliori periodi.

Tre punti fondamentali per la corsa salvezza. Meglio non si poteva arrivare alla difficile sfida contro il Catania. Una partita nella quale i biancoazzurri cercheranno di fare di tutto per portare a casa quantomeno un punto. Anche se bisogna mettere in conto anche il fatto che si possa restare a mani vuote. La partita però, si deve giocare. E probabilmente, non c’era periodo migliore per affrontare questa corazzata visto che il Matera vive il miglior momento della propria stagione.

Commenti

La ripresa - Matera, testa subito al Catania. Le condizioni di Plasmati
La svolta di Imbimbo: il Matera è ripartito con due semplici mosse